Menu
Cerca
parabiago

Manifesti di prevenzione del sindaco, interviene anche la Lega

"Siamo stupiti della polemica sollevata dal PD"

Manifesti di prevenzione del sindaco, interviene anche la Lega
Politica Legnano e Altomilanese, 14 Maggio 2020 ore 09:53
Manifesti di prevenzione Coronavirus con l’immagine del sindaco e il simbolo del Comune (vedi foto di copertina): una scelta che ha scatenato le polemiche a Parabiago.  In merito è intervenuta anche la sezione della Lega per rispondere al PD locale che ha accusato il primo cittadino di Parabiago di fare campagna elettorale invece di occuparsi della città.
LEGGI ANCHE:

Manifesti di prevenzione del sindaco, interviene anche la Lega

Ad intervenire il segretario locale della Lega, Diego Quieti:
“Siamo stupiti della polemica sollevata dal PD che, anziché portare energie positive nel sostenere le azioni per mantenere alta l’attenzione sul distanziamento, pensa politichese. Alle accuse, rispondiamo con una domanda: se in questa emergenza il Sindaco si fosse limitato ad attendere le disposizioni governative, sarebbe stato un buon amministratore? Noi crediamo di no! La tempestività con la quale l’Amministrazione è intervenuta per affrontare l’emergenza ed evitare la diffusione del contagio, è stata massima e questo anche grazie a tutta la struttura dell’Ente che ha lavorato incessantemente senza badare ad orari e anche nei week end. Inoltre, il Sindaco viene accusato di non aver firmato la lettera sottoscritta da alcuni Primi Cittadini dell’altomilanese per richiedere un potenziamento della sanità territoriale: quel giorno (Pasquetta) Raffaele Cucchi era impegnato nel reperire tamponi da portare presso la casa di riposo comunale e non ha guardato le chat.  Sicuramente ne è dispiaciuto, ma evidentemente ci sono Sindaci che scrivono e altri che agiscono… abbiamo solo una domanda: ad oggi cosa hanno ottenuto di concreto i Sindaci che hanno sottoscritto il documento? Sarebbe interessante venirne a conoscenza. Infine, un’osservazione ai consiglieri del Pd: da subito è stata attivata una chat Covid-19 dedicata ai consiglieri comunali per condividere informative, informazioni ed eventuali difficoltà da affrontare; non ci risulta che siano state mai avanzate idee, proposte o interventi utili a limitare il contagio da parte degli stessi che oggi accusano il Sindaco di fare campagna elettorale, quindi per loro, viene prima il cittadino o la polemica politica?”.

TORNA ALLA HOME