Cronaca
Sette colpi in poche ore

Spaccate di Pasqua: patteggia due anni

Il 21enne tunisino fermato per uno degli episodi messi a segno a Legnano si è assunto la responsabilità di tutti: sarà espulso.

Spaccate di Pasqua: patteggia due anni
Cronaca Legnano e Altomilanese, 16 Luglio 2022 ore 16:20

Spaccate di Pasqua a Legnano: il responsabile, uno 21enne straniero irregolare, patteggia una pena di due anni di carcere che sarà sostituita con l'espulsione dal Paese.

Spaccate di Pasqua: il responsabile patteggia e scatta l'espulsione

Tra domenica 17 e lunedì 18 aprile 2022 aveva distrutto sette vetrine del centro cittadino rubando all’interno dei negozi. Era stato poi fermato qualche giorno dopo dalla Polizia di Stato di Legnano proprio per uno di questi episodi appena uscito dal Tribunale di Milano, dove era appena stato processato per direttissima per altri reati commessi nella metropoli. Ora il 21enne, uno straniero irregolare in Italia con molteplici alias e precedenti, che si è assunto la responsabilità di tutti i furti e i danneggiamenti, ha patteggiato davanti al gip Piera Bossi del Tribunale di Busto Arsizio una pena di due anni di carcere, pena che sarà sostituita con l’espulsione.

Il raid notturno nel centro di Legnano

A fare le spese del raid erano stati sette esercizi, tra attività commerciali e di servizio. Tra esse la libreria per bambini Ambarabà di via dei Disciplini, accanto alla chiesa di Sant'Ambrogio, e l'Adjo minimarket che sorge poco distante, in piazza Raoul Achilli (entrambi "visitati" quando ormai era l'alba), ma anche un mobilificio e una scuola guida. Nel caso della libreria, a cedere erano stati gli infissi, e così l’intera vetrina era caduta all’interno del negozio (nella foto di copertina), atterrando sul tavolo rosso a pois bianchi sul quale la titolare espone i libri in vendita e ai piedi del quale colloca i giochi su un tappeto fiorito. Il copione era stato pressoché identico per il vicino Adjo minimarket: diversi colpi erano stati inferti alla vetrina antieffrazione finché il telaio di supporto aveva ceduto facendo cadere all’interno del negozio l’intera vetrata. Il ladro aveva avuto quindi l’agio di entrare nel punto vendita, ma la delusione di trovare in cassa solo pochi euro. Una volta scoperto il furto (e i danni), i titolari avevano sporto denuncia alla Polizia Locale, intervenuta sul posto per i rilievi del caso. Le indagini erano poi state condotte in sinergia con il Commissariato cittadino.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter