Operazione antidroga nel Parco Pineta

Continuano i controlli serrati di Polizia di Stato, Polizia locale e carabinieri. L’ultimo intervento sabato pomeriggio.

Operazione antidroga nel Parco Pineta
Cronaca Saronno, 01 Maggio 2018 ore 12:40

Operazione antidroga nei boschi del Parco Pineta e nel tradatese. Dopo il blitz di martedì scorso quattro pattuglie della Polizia di Stato, una degli agenti di Tradate insieme a quelle dei carabinieri sabato hanno passato al setaccio la zona boschiva, luogo tristemente noto per lo spaccio di droga.

Operazione antidroga: agenti, poliziotti e carabinieri controllano il tradatese

Dalla scorsa settimana ha preso il via un’ampia operazione antidroga nel parco Pineta e in tutto il territorio tradatese. Obiettivo sicurezza e contrasto all’uso e allo spaccio di droga, fiorente ultimamente nel Parco Pineta. Dopo gli interventi di martedì e giovedì scorso, le forze di polizia sono tornate in azione sabato pomeriggio concentrandosi soprattutto nei boschi di Tradate. Martedì scorso l’operazione era stata più ampia e aveva coinvolto anche i comandi di Polizia locale di Venegono, Vedano e Castiglione, i comuni affacciati sul Parco Pineta. Passati al setaccio i boschi, ma anche gli scali ferroviari e i punti critici delle città. I risultati dell’operazione non sono ancora stati resi noti, ma il numero di agenti, carabinieri e mezzi non è passato inosservato ai più.

Obiettivo sicurezza e contrasto allo spaccio di droga invocato dai sindaci

Si tratta di un’operazione congiunta, promossa dalla Prefettura di Varese nelle zone boschive e nei punti critici come le stazioni ferroviarie. Una risposta concreta ed efficace alle richieste di sicurezza invocate dai sindaci soprattutto in materia di spaccio di droga che avviene sotto lo sguardo ormai rassegnato degli automobilisti e dei residenti del Parco.

L’ultimo appello era stato lanciato dal sindaco di Locate Daniela Grimoldi a seguito del ritrovamento di un cadavere, ucciso da un colpo di pistola al petto, in via Garibaldi, un’altra zona tristemente nota per fenomeni di prostituzione e attività illecite. Sul delitto sono ancora in corso le indagini, ma sembra sia maturato nel mondo della droga e non si esclude sia proprio stato commesso nel parco Pineta prima che il corpo del giovane marocchino venisse abbandonato a Locate.  I carabinieri della tenenza di Tradate,  e pure i  colleghi di Mozzate quasi quotidianamente effettuato pattugliamenti e controlli nelle zone boschive di confine  con importanti risultati nel contrasto allo spaccio.