Nerviano

Coronavirus, sindaco: "Rimanete a casa". Multato runner che si arrabbia e sputa

Il primo cittadino di Nerviano rinnova il suo appello alla popolazione. Agenti in azione anche nel periodo pasquale, già 10 i sanzionati in questi giorni

Coronavirus, sindaco: "Rimanete a casa". Multato runner che si arrabbia e sputa
Cronaca Legnano e Altomilanese, 11 Aprile 2020 ore 13:32

Coronavirus, il sindaco di Nerviano Massimo Cozzi rilancia il suo appello alla popolazione: "Dovete rimanere a casa. Chi disobbedisce, lo capirà con le multe". La Polizia Locale ha sanzionato (400 euro) chi non aveva motivo di stare in giro: tra questi un runner che si è arrabbiato spuntando il terra.

Coronavirus, il sindaco ribadisce l'appello. Polizia Locale in azione

"Dovete stare a casa: se non lo capite con le parole, lo capirete con le multe". Il sindaco di Nerviano Massimo Cozzi torna a promettere battaglia contro quanti non rispettano le indicazioni per evitare i contagi.
"Troppa gente è ancora in giro e i controlli sono aumentati - spiega Cozzi  che nei giorni scorsi ha scritto al Prefetto di Milano per chiedere ancora maggiori Forze dell'Ordine e anche l'Esercito in paese - Polizia Locale e Carabinieri hanno intensificato i servizi e accertamenti e lo faranno anche nel periodo di Pasqua e Pasquetta. E’ folle che alcune persone non intendano rispettare l’indicazione di rimanere a casa".
In questi giorni la Polizia Locale ha elevato 10 multe da 400 euro l’una. "Un cittadino pensava di poter andare alla piattaforma ecologica ma questa, come ben noto, è chiusa - afferma il sindaco - Altri due multati sono due persone che erano in giro a correre. Altre sono state sanzionate perchè, provenienti da altri paesi, erano in coda a fare la spesa e in farmacia a Nerviano. Un’altra multa è stata data a un podista che, fermato dagli agenti, si è arrabbiato e ha sputato a terra. Sono comportamenti irresponsabili, assurdi. A queste sanzioni si aggiungono quelle, di settimana scorsa, date a a cinque ragazzi maggiorenni trovati mentre giocavano a calcio in un campetto di Cantone".
Il sindaco aggiunge: "Ripeto, lo stare a casa va capito, altrimenti lo si capirà a suon di multe. Non siamo assolutamente ancora fuori da questa emergenza ed è da irresponsabili non rispettare le indicazioni date. Quindi torno a ribadire il mio appello di restare a casa".

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ZONA

TORNA ALL'HOMEPAGE PER LE ALTRE NOTIZIE