Cornaredo

Albero crolla su madre e figlia, salve per un soffio

Una donna e la figlia minorenne miracolate dopo che un pino marittimo è crollato su di loro

Albero crolla su madre e figlia, salve per un soffio
Cronaca Rhodense, 30 Dicembre 2020 ore 14:25

Albero crolla su madre e figlia, salve per un soffio. Succede a Cornaredo.

Albero crolla su madre e figlia

Sette giorni di prognosi e tanta paura che solo ora, due giorni dopo l’accaduto, si tramuta nella consapevolezza di essere state fortunate.

Lunedì 28 dicembre, dopo la grande nevicata della notte e del mattino, la signora M.S. e la figlia minorenne sono uscite da casa insieme al proprio cagnolino per fare quattro passi. Mentre camminavano nel parco di Cornaredo, nel percorso fra il centro anziani Melograno e la scuola media Curiel, un albero è crollato colpendole di striscio.  Il pino marittimo si è spezzato a causa del peso della neve, il tronco è caduto di traverso proprio sul passaggio pedonale.

Salve per pochi centimetri

“Mia figlia ed io stavamo camminando verso il ponticello, avevamo gli ombrelli aperti” racconta la signora. “D’un tratto ho sentito molta neve cadere sull’ombrello, e ho fatto in tempo a notare il mio cagnolino essere ricoperto di neve. Un solo attimo, e poi mi sono ritrovata scaraventata a terra. L’albero è caduto proprio mentre stavamo passando. Pensavo fosse un ramo, invece era l’intero tronco. Fortunatamente mi ha colpito di striscio alla spalla, e nella caduta io mi sono trovata fra due ramificazioni. Mia figlia aveva le gambe sotto il tronco, che miracolosamente non è arrivato a toccare terra ma si è fermato a qualche decina di centimetro dal suolo. Ci siamo liberate, e subito sono accorsi diversi passanti che hanno assistito alla scena. Nel frattempo è arrivato mio marito da Milano, e poi vigili e ambulanza. E’ stata una questione di pochi centimetri: fortunatamente abbiamo riportato solo forti contusioni e un terribile spavento. Ogni volta che ci ripenso mi rendo sempre più conto del pericolo corso: fosse caduto un secondo prima o dopo, fossimo state un metro più avanti o più indietro, e non so quale sarebbe la situazione ora”.

 

Quanto accaduto ha suscitato la reazione del consigliere comunale di minoranza Renato Laviani e la successiva replica del sindaco Yuri Santagostino.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità