La gara da sogno del nuotatore di Abbiategrasso

Paralimpiadi, impresa di Amodeo: argento a sorpresa nei 400 stile libero

Il nuotatore di Abbiategrasso conquista la medaglia d'argento nei 400 stile libero S8 alle Paralimpiadi di Tokyo. Con l'oro e l'argento di Barlaam, tre medaglie per l'Abbiatense

Paralimpiadi, impresa di Amodeo: argento a sorpresa nei 400 stile libero
Sport Magenta e Abbiategrasso, 31 Agosto 2021 ore 12:17

Il nuotatore di Abbiategrasso conquista la medaglia d'argento nei 400 stile libero S8 alle Paralimpiadi di Tokyo. Con l'oro e l'argento di Barlaam, tre medaglie per l'Abbiatense

Paralimpiadi, impresa di Amodeo: argento a sorpresa nei 400 stile libero

Impresa di Alberto Amodeo alle Paralimpiadi di Tokyo dove questa mattina ha conquistato una spettacolare medaglia d'argento nei 400 stile libero S8. L'atleta di Abbiategrasso non partiva tra i favoriti ma è stato autore di una prodigiosa seconda frazione di gara arrivando a giocarsi la vittoria alle ultime bracciate con i russo Nikolaev, che ha chiuso davanti a lui per pochi decimi di secondo. Amodeo ha chiuso a 4'25''16.

Amodeo-Barlaam fanno sognare l'Abbiatense

Sale quindi a tre il bottino di medaglie conquistate dagli atleti abbiatensi ai giochi di Tokyo: con la sorpresa Amodeo c'è infatti anche il cassinettese Simone Barlaam, campione affermato a soli 21 anni che a Tokyo ha già conquistato un oro e un argento in attesa di tornare in vasca giovedì e venerdì mattina.

Le congratulazioni del sindaco Nai: “Orgoglio per tutti noi”

Congratulazioni ad Amodeo sono giunte dall'Amministrazione di Abbiategrasso: “I miei complimenti ad Alberto e agli altri nostri atleti che in questi giorni stanno ottenendo importanti vittorie ai giochi olimpici, regalandoci momenti indimenticabili di grande emozione. Sono un orgoglio per tutti noi”, ha detto il sindaco Cesare Nai.

Festa anche a Corbetta, dove Alberto ha frequentato le medie

Festa anche a Corbetta, dove Amodeo ha frequentato le scuole medie dell'istituto San Girolamo dal 2011 al 2014. La scuola, recita una nota delle famiglie degli alunni, “partecipa alla sua gioia straripante, a quella della sua famiglia, della sua città e del meraviglioso gruppo che sta egregiamente rappresentando l’Italia in Giappone”.