Superstrada, furia leghista contro il Pd: "E' contro l'opera"

Nel mirino di Gelli finisce il Pd: "Ha gettato la maschera".

Superstrada, furia leghista contro il Pd: "E' contro l'opera"
Politica Magenta e Abbiategrasso, 14 Dicembre 2019 ore 10:06

Superstrada, è bufera. Dopo le dichiarazioni del grillino De Rosa, che chiama in causa anche i dem,  divampa la polemica politica. Solo una settimana fa, i sindaci tornavano da Roma, dopo un incontro al ministero per capire i tempi dell'opera. Ma adesso...

Superstrada, furia leghista contro i dem

La furia del vicesindaco leghista magentino, Simone Gelli, si scarica sul Pd: "Finalmente anche il Partito Democratico getta La maschera e dice no al progetto di collegamento tra Vigevano e Malpensa. Quanto dichiarato, infatti, dal consigliere regionale Pietro Bussolati nella nota congiunta e diffusa dal collega penta stella Massimo De Rosa, è vergognoso e senza ritegno. Andare verso il progetto sostenuto da Città Metropolitana significa sostanzialmente non realizzare più alcuna opera. La paralisi totale. Forse, ancora una volta, né gli esponenti del Pd, né quelli dei Cinque Stelle, sanno realmente cosa serva al nostro territorio. Passi per l’opposizione dei grillini, già ahimè conosciuta da tempo, trattandosi di un partito totalmente avulso dal nostro territorio e che nell’ultimo periodo, tanto per capire di chi stiamo parlando, a livello locale, sono tornati a far parlare di loro, dopo anni di silenzio, solo per una manifestazione animalista, andata in scena l’altro fine settimana, contro un circo presente nella nostra città (già perché questi sono i veri problemi della gente …). Ma l’allineamento del PD alla revisione del progetto, perché di questo si parla, è una sonora presa per i fondelli per tutti i Magentini che per anni si sono sentiti dire che il progetto si sarebbe realizzato". afferma

"Cosa diranno gli ex amministratori della città?"

Incalza Gelli: "Che il progetto sia bloccato mi pare una bufala colossale, dal momento che io stesso sono stato testimone dei passaggi all'interno del Cipe a Roma e che avevano, due anni orsono, chiuso in modo definitivo l'iter, tanto da far partire gli espropri su tutta la tratta in questione. Venendo a Magenta, sono proprio curioso di sentire cosa avranno da dire gli ex amministratori della nostra città, soprattutto agli abitanti della frazione di Pontenuovo che ogni giorno convivono con l’inquinamento e problemi di sicurezza dovuti al transito di migliaia di automezzi pesanti. Questo tirare a campare mi sa tanto di rinvio, sine die sia del collegamento principale che della nostra variante. Non mi resta che fare al PD i miei più vivi complimenti. Tradire il proprio popolo e la propria comunità pare essere ormai uno sport in cui sono diventati campioni olimpionici. Come Lega faremo le barricate contro una simile indecente quanto scellerata decisione. Certe dichiarazioni, questo territorio non se le merita, nemmeno fossero un pesce d'aprile fuori stagione. Grazie PD adesso tutti, ma proprio tutti, sanno di che pasta siete fatti".