Politica

Parabiago, Cogliati si dimette da presidente del Consiglio

Anna Maria Cogliati si dimette da presidente del Consiglio di Parabiago: "Ci sono troppi conflitti interni". E la maggioranza non ha ancora i numeri.

Parabiago, Cogliati si dimette da presidente del Consiglio
Politica Legnano e Altomilanese, 20 Dicembre 2019 ore 09:33

Parabiago, si di dimette il presidente del Consiglio comunale Anna Maria Cogliati: troppe le assenze tra i banchi del Parlamentino locale.

Parabiago: le dimissioni di Cogliati

Il Consiglio comunale di Parabiago convocato giovedì 19 dicembre 2019 - anche se una prima convocazione era stata fissata per mercoledì 18 dicembre 2019, poi spostato al giorno dopo - è durato poco meno di 15 minuti. Il vero fulmine a ciel sereno, però, sono state le dimissioni rassegnate seduta stante dal presidente del Consiglio comunale, Anna Maria Cogliati, che però rimane nel Parlamentino locale come consigliere di opposizione del centrosinistra.

"Ci sono troppi conflitti interni"

"Questa è una dichiarazione non facile - ha dichiarato Cogliati emozionata subito dopo l'appello dei presenti - In questi pochi mesi ho capito che gestire un consiglio comunale come Parabiago è pesante. Ci sono troppi conflitti interni. Perché mandare avanti un consiglio così? Pensavo che il Consiglio comunale fosse un organo autonomo, in grado di gestire la democrazia di un paese. Per trovare la data della riunione del consiglio ci sono voluti 15 giorni. Oggi arrivo e manca la maggioranza. Non posso continuare così, io do le mie dimissioni da presidente del Consiglio comunale". Le dimissioni di Cogliati sono seguite dall'abbandono dell'aula della stessa, che cosi facendo ha mostrato come alla maggioranza del sindaco Raffaele Cucchi sia mancato il numero legale per mandare avanti il consiglio.

La storia si ripete: maggioranza senza numeri

Assenti i consiglieri di opposizione, assenti Paolo Rimoldi, Valentina Sisti e Marco Grandini per la maggioranza. Il Consiglio comunale è stato riconvocato per sabato 21 dicembre alle 10. Altra nota di cui tenere conto, è che ora la storia si ripete e il Consiglio dovrà eleggere di nuovo un presidente: ricordiamo che per eleggere Cogliati, in quota opposizione sono servite 60 votazioni. Ora, dopo le feste, i consiglieri dovranno tornare a votare il "loro" presidente.

LEGGI ANCHE: Parabiago: nuova fumata nera per il presidente del Consiglio comunale