Politica
Dopo lo stop forzato

Nuova scuola, la società appaltatrice riavvierà il cantiere con un amministratore giudiziario

Buona notizia per Villa Cortese: la Corte d'Appello ha concesso alla Corsaro Costruzioni di riprendere a lavorare (sotto supervisione) dopo lo stop imposto dall'autorità giudiziaria.

Nuova scuola, la società appaltatrice riavvierà il cantiere con un amministratore giudiziario
Politica Legnano e Altomilanese, 18 Settembre 2021 ore 11:15

Nuova scuola primaria di Villa Cortese, l'autorità giudiziaria concede la ripresa dei lavori dopo lo stop forzato.

Nuova scuola, accolto il ricorso della Corsaro Costruzioni dopo la sospensione

La Corte d'Appello di Catania ha infatti accolto il ricorso presentato dall'azienda capofila che si era aggiudicata l'importante bando e che, poco più di un anno fa, era stata colpita da un provvedimento di sospensione dell'attività a causa di un lavoro aperto in un'altra regione. Ora la Corsaro Costruzioni potrà tornare a lavorare, a Villa e negli altri cantieri che le sono stati assegnati, ma sotto la supervisione di un amministratore giudiziario. In primo grado la richiesta dell'azienda siciliana era stata respinta.

Cantiere di nuovo al via dopo la nomina dell'amministratore giudiziario

Non è ancora chiaro, però, quando però l'opera potrà riprendere: «Sarà necessario attendere i contorni di questo provvedimento, a partire dalla nomina dell'amministratore giudiziario che non è ancora stata fatta - spiega il sindaco Alessandro Barlocco - Saranno le autorità a dover definire il nome e le modalità con cui la Corsaro potrà riprendere a lavorare, ma indubbiamente per noi è un passo importante che crea i presupposti per riavviare la costruzione dell'opera».

Lo stop era arrivato poche settimane dopo la posa della prima pietra

Il cantiere è fermo da oltre un anno, ovvero poco dopo la posa della prima pietra (avvenuta il 14 luglio 2020). Uno stop inatteso che in questi mesi ha impegnato gli uffici comunali per capirne le sfaccettature e le possibili soluzioni. L'Amministrazione ha sempre predicato prudenza: «La comunicazione è arrivata a metà agosto ma abbiamo preso contatti con i legali dell'azienda tra fine agosto e inizio settembre - specifica Barlocco - Inizialmente pensavamo di poter avere la nomina dell'amministratore giudiziario nella prima parte di settembre e di poter dare un quadro più completo della situazione. Siamo solo interessati a fare le cose per bene».

Nella foto di copertina: la posa della prima pietra dell'edificio scolastico il 14 luglio 2020