Politica
le parole del sindaco

Niente luminarie ma "non verrà meno il clima natalizio"

La scelta è stata presa dall'Amministrazione per non incidere ulteriormente sulla bolletta energetica.

Niente luminarie ma "non verrà meno il clima natalizio"
Politica Magenta e Abbiategrasso, 01 Dicembre 2022 ore 17:19

Il Comune di Bareggio non installerà quest'anno le luminarie natalizie in città: pronti però investimenti sul territorio.

Niente luminarie in città

A causa della crisi energetica, il Comune di Bareggio ha visto “lievitare” di oltre 650.000 euro le previsioni di spesa per le utenze degli edifici comunali relativamente al 2022 e pertanto, con l’ultima variazione di bilancio approvata ieri sera in Consiglio comunale, è stato costretto a fare delle scelte: una di queste riguarda le luminarie natalizie, che per quest’anno non saranno installate.

“E’ stata una decisione sofferta ma necessaria per far quadrare i conti – ha spiegato l’assessore al Bilancio Nico Beltramello -. Purtroppo, per i motivi che tutti sappiamo, c’è stato un notevole aumento dei costi relativi in particolare alle utenze e quindi abbiamo dovuto fare dei tagli in alcuni capitoli, preferendo rinunciare a spese non indispensabili”.

Presente l'albero di Natale e la pista sul ghiaccio

“Pur senza luminarie – ha aggiunto il sindaco Linda Colombo – non verrà meno l’atmosfera natalizia a Bareggio. Ci sarà comunque l’albero di Natale, che verrà acceso mercoledì 7 dicembre, c’è la pista del ghiaccio, che sta facendo divertire i bambini senza nessun costo a carico delle casse comunali, e ci saranno tante iniziative ch

e ci accompagneranno fino all’anno nuovo”.

Nella delibera approvata, altre variazioni riguardano l’ottenimento di due contributi, uno statale e uno regionale, rispettivamente per l’installazione di telecamere per la videosorveglianza delle scuole (14.000 euro) e per l’acquisto di mezzi ed attrezzature per la protezione civile (16.250 euro). Vengono inoltre aumentati a 95.000 euro (+35.000 euro) i fondi per attrezzature ludiche per i parchi e previsti 10.000 euro per attrezzature ginniche per i parchi, 15.000 euro per la manutenzione straordinaria della pubblica illuminazione e 14.000 euro per l’acquisto di countdown da installare sugli impianti semaforici.

Seguici sui nostri canali