Menu
Cerca

Defibrillatori ovunque: sì unanime della Camera

"Un risultato importantissimo" secondo l'onorevole legnanese Riccardo Olgiati che ringrazia le associazioni che "hanno fatto sensibilizzazione", in primis 60milavitedasalvare.

Defibrillatori ovunque: sì unanime della Camera
Politica Legnano e Altomilanese, 31 Luglio 2019 ore 14:17

Defibrillatori ovunque: su treni, aerei, autobus e a scuola.

Defibrillatori ovunque, il sì della Camera

La Camera ha approvato il disegno di legge "Disposizioni in materia di utilizzo dei defibrillatori semiautomatici ed automatici in ambiente extraospedaliero". "Un risultato importantissimo" secondo l'onorevole legnanese Riccardo Olgiati (Movimento 5 stelle), che così commenta: "Una di quelle leggi che probabilmente non occuperà il dibattito pubblico ma che a differenza di molte altre segnerà concretamente un cambiamento culturale su un tema importante come quello dell’arresto cardiaco".

Defibrillatori ovunque: sì unanime della Camera
L'onorevole legnanese Riccardo Olgiati (Movimento 5 stelle)

Ogni anno in Italia l'arresto cardiaco uccide 60mila persone

"In Italia ogni anno circa 60mila persone muoiono a causa di questo tragico evento - prosegue Olgiati -. Un numero impressionante sul quale dopo anni di norme poco o per nulla efficaci oggi finalmente la Politica con la P maiuscola dà risposte importanti entrando prepotentemente ma in modo positivo nella vita di tutti i giorni dei cittadini. Cinque i punti fondamentali della nuova legge, votata all’unanimità dalla Camera dei deputati e che è la sintesi di otto proposte di legge una delle quali mi vede orgogliosamente cofirmatario".

I cinque punti fondamentali della nuova legge

"Chiunque potrà usare un defibrillatore automatico o semiautomatico senza paura di incorrere in sanzioni e soprattutto senza paura di fare danni perché i Dae oggi in commercio sono così intelligenti da consentirne l’uso a tutti e da non permettere che anche una persona non formata all’uso possa fare danni. Finalmente passa il principio che in presenza di un sospetto arresto cardiaco e con un defibrillatore a portata di mano l’unico danno che si può fare è non usarlo.
Si introduce l’obbligo di installazione di Dae in aereoporti, stazioni ferroviarie, porti, su tutti i mezzi di trasporto che effettuano tratte oltre le due ore senza possibilità di fermate intermedie e altre realtà tra cui le sedi delle pubbliche amministrazioni, quest’ultime entro il 2025, o l’obbligo di presenza di Dae per tutte le società sportive sia durante le gare ufficiali, sia durante gli allenamenti, andando così a sanare un inspiegabile vuoto ereditato dal decreto Balduzzi del 2012.
Si promuovono finalmente una serie di iniziative di formazione sulle tecniche di primo soccorso, tra cui l’utilizzo del Dae, nelle scuole a partire da quelle secondarie di primo e secondo grado! E non solo agli studenti ma anche a docenti e personale scolastico. E’ da lì che deve partire la sensibilizzazione.
La registrazione e conseguente mappatura di tutti i Dae presenti sul territorio che potranno così essere facilmente individuati tramite una app su qualsiasi smartphone.
Una somma di 14 milioni stanziata dallo Stato (4 milioni per il 2020 e 2 milioni l’anno dal 2021 al 2025) per incentivare la diffusione dei Dae su tutto il territorio".

"La variabile più importante è il tempo di intervento"

"La diffusione più capillare possibile di questi strumenti è fondamentale - dice ancora Olgiati - per un motivo molto semplice e cioè che nell’arresto cardiaco la variabile più importante è il tempo di intervento! Bastano anche 10 minuti per vanificare qualsiasi utilità nell’intervento del personale medico. Attenzione però, non si confonda il Dae con una alternativa alla chiamata al 118 che rimane sempre la prima cosa da fare prima di intervenire con questi apparecchi".

"Grazie alle associazioni che hanno fatto sensibilizzazione"

"Se oggi siamo arrivati qui è grazie a tutte quelle associazioni che nei territori hanno fatto sensibilizzazione su un tema di importanza vitale, in tutti i sensi! Nell’Alto Milanese abbiamo la fortuna di averne una delle più attive nel panorama italiano, l’ormai arcinota 60milavitedasalvare, che non smetterò mai di ringraziare per avermi portato a conoscenza di questo tema importantissimo. Senza gli amici Mirco, Luca e Mara probabilmente oggi non saprei nemmeno di cosa stiamo parlando. E invece insieme a loro è nato un percorso iniziato diversi anni fa con il semplice corso di utilizzo del Dae che è proseguito fino alla partecipazione un anno fa circa a Piacenza al convegno per i 20 anni del Progetto Vita che ha reso il capoluogo emiliano la città più cardioprotetta d’Europa. E’ anche e soprattutto grazie a persone come Voi se oggi siamo arrivati a questo importantissimo risultato!".

Ora la palla passa al Senato

"Ora manca solo il passaggio al Senato - conclude l'onorevole legnanese - che mi auguro avvenga non appena riprenderanno i lavori a settembre. Ci sarà spazio e modo per provare a migliorare ancora di più una legge che comunque è già così un grande passo in avanti su questo argomento".

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE