Menu
Cerca
cerro maggiore

“Consigliere in dialisi”, l’opposizione abbandona il Consiglio: la replica del sindaco

Protesta di tutte le forze di minoranza: "Chiedevamo solo di non fissare la seduta nel giorno in cui Alberti è in ospedale per le cure"

“Consigliere in dialisi”, l’opposizione abbandona il Consiglio: la replica del sindaco
Politica Legnano e Altomilanese, 27 Aprile 2021 ore 14:13

“Consigliere in dialisi, nessun rispetto dalla maggioranza”: è bufera a Cerro Maggiore con l’intera opposizione che ha lasciato il Consiglio comunale. Oggi, martedì 27 aprile, il sindaco ha risposto alle accuse mosse.

“Consigliere in dialisi”, l’opposizione abbandona il Consiglio

Tutta l’opposizione di Cerro Maggiore, formata da Franco Alberti (indipendente) e dalle liste Insieme con Antonio Lazzati (di Antonio Lazzati e Calogero Mantellina), Bene Comune (di Piera Landoni e Massimo Banfi) e il Movimento 5 Stelle (di Edoardo Martello), ieri sera, lunedì 26 aprile, ha abbandonato il Consiglio comunale. L’intera minoranza aveva chiesto alla maggioranza di rinviare la seduta: “Non è la prima volta che Alberti (oggi all’opposizione in quanto ha lasciato la maggioranza del sindaco Nuccia Berra a giugno 2020) chiede cortesemente al sindaco, a voce e tramite mail, di non convocare le sedute di Consiglio comunale il lunedì sera in quanto, proprio ogni lunedì e venerdì sera di ogni settimana dell’anno fa la dialisi – spiegano dall’opposizione – Immaginate l’incredulità, in primis del consigliere Alberti e in seguito nostra nel leggere, nero su bianco, la risposta del sindaco che, negando lo spostamento e mantenendo la seduta di Consiglio per il lunedì 26 aprile, ha impedito, di fatto, al consigliere di partecipare alla seduta stessa. Seduta per la quale Alberti aveva presentato e sottoscritto due interrogazioni e una mozione!

La replica del sindaco

“Vergognoso strumentalizzare la malattia per ragioni politiche.
Nel caso specifico si sarebbe dovuto affrontate la questione nella conferenza capigruppo, che, come noto, è l’organo che valuta l’ordine del giorno e stabilisce con il Sindaco la data e l’ordine del giorno della seduta. Peccato che la riunione è a porte chiuse e in quella sede non si sono evidenziati problemi.
Con grande dispiacere dobbiamo constatare che nel momento più difficile della storia del nostro Paese, con una crisi sanitaria, economica e sociale gravissime, l’opposizione tutta ha deciso di abbandonare il proprio ruolo e, al posto di fare proposte, ha iniziato ad avvelenare il clima cittadino attraverso polemiche inutili e sterili.
Accusare il Sindaco e tutti noi di slealtà e di mancanza di rispetto è assurdo e sono i fatti che lo dimostrano.
Ad uno ad uno, leggendo il proprio copione, i membri dell’opposizione hanno raccontato una storia che non esiste, mistificando argomenti delicati come la salute per esimersi dal confronto.
Ci accusano di fissare i consigli comunali ‘ad orologeria’ per ripicca e senza tenere conto della situazione sanitaria di alcuni di loro. Nulla di più falso. E sono i fatti a dimostrarlo!
In primis è giusto sapere che non è il Sindaco o la maggioranza a decidere quando fissare il consiglio comunale, bensì la commissione capigruppo. Organo collegiale a cui partecipano tutte le forze politiche che, anche questa volta, ha deciso all’unanimità dei presenti luogo, ora, data e modalità di convocazione per questo consiglio comunale.
In secondo luogo è doveroso esaminare l’ultimo anno, il 2020, per verificare se corrispondono al vero le argomentazioni di carattere sanitario addotte dall’opposizione: su 13 consigli comunali svoltisi il Consigliere Alberti è mancato a quello di giugno 2020 convocato di giovedì, a quello di dicembre 2020 convocato di martedì ed all’ultimo convocato di lunedì. E cosa molto strana ha partecipato ai consigli di luglio 2020, a quello di dicembre 2020 ed a quello di febbraio 2021 convocati di lunedì!
Inoltre è giusto sottolineare che il cambio di Segretario Generale ha portato dei cambiamenti all’assetto organizzativo dell’Ente, di cui è doveroso tenere conto per non causare disagi e inutili spese a tutti noi. Infatti il giorno della Giunta è stato cambiato dal Giovedì al Lunedì per venire incontro al mutato orario.
A tutto quanto sopra si aggiunga che i consigli comunali sono ancora convocati in modalità ‘videoconferenza’ per venire incontro ad una precisa richiesta dell’opposizione che puntualmente ha disatteso, rifiutando anche questa volta il confronto ed il dialogo.
Qualcuno potrebbe pensare che questo modo di agire sia dettato dalla strategia politica di concentrare l’attenzione dei cittadini su altre argomentazioni, piuttosto che parlare delle situazioni gravissime lasciateci in eredità, ma noi li stiamo affrontando a testa alta, con impegno, in deludente solitudine, mentre chi scappa dal confronto grida allo scandalo per l’assidua presenza dell’amministrazione al centro vaccinale Hub allestito presso il Move In che ha permesso in queste poche settimane di vaccinare decine di migliaia di persone in più. Una presenza dovuta ed auspicata da ASST e dalle centinaia di volontari impegnati, che stiamo cercando di organizzare con notevoli difficoltà. E soprattutto una presenza costruttiva e fattiva per agevolare le numerose criticità che ogni giorno emergono in eventi di portata straordinaria.
Come già detto assistiamo a critiche assurde, ma ci rincuora il fatto che migliaia di cittadini abbiano trovato un servizio d’eccellenza, cordialità e serenità e nostro dovere è continuare ad agire in questo modo per svolgere il nostro compito in pienezza.
La pandemia ha causato gravi difficoltà, ma sin dall’inizio abbiamo dovuto fare i conti e rischiare, perchè il nostro ruolo e la nostra azione necessitavano della nostra presenza.
Infine ribadiamo che l’opposizione è stata sempre coinvolta nelle decisioni, ma ultimamente ha scelto la strategia dell’enfatizzazione comunicativa, evidenziando una grave carenza di idee!
Chi ha scelto un comodo aventino lo ha fatto con la consapevolezza di abbandonare la barca come un capitano in fuga prima degli altri”.