Menu
Cerca
Botta e risposta

Caso Asm, il consigliere regionale Trezzani si scaglia contro Corbetta

Anche il consigliere regionale ed ex sindaco di Boffalora Curzio Trezzani interviene nel caso Asm, che sta scuotendo la politica del Magentino.

Caso Asm, il consigliere regionale Trezzani si scaglia contro Corbetta
Politica Magenta e Abbiategrasso, 06 Febbraio 2021 ore 09:21

Sul caso che sta scuotendo la politica magentina interviene anche il consigliere regionale in quota Lega, Curzio Trezzani, con un intervento contro il sindaco di Corbetta, Marco Ballarini.

Caso Asm, le parole di Trezzani

"Innanzitutto, permettetemi di dire che Asm gode di ottima salute; sono stato sindaco di Boffalora, secondo comune azionista dopo Magenta, dal 2009 al 2018 e in questi anni insieme al consiglio di amministrazione e ai dipendenti, abbiamo gestito e migliorato Asm in un vero spirito di collaborazione tra comuni soci e azienda - ha dichiarato il consigliere regionale leghista - Ci sono stati problemi? Certo, come in tutte le aziende, ma si è sempre cercato di risolverli collaborando. Oggi la situazione è molto diversa; il nuovo presidente non è stata in grado di fare sintesi, di collaborare, di rispettare il ruolo che le ha dato l’assemblea dei soci, di agire tenendo in mente che Asm è l’azienda dei nostri comuni e quindi è necessario discutere, collaborare e confrontarsi con i sindaci, soprattutto quelli che detengono le quote maggiori e che danno maggiori servizi all’azienda".

L'attacco a Corbetta

"Non prendiamoci in giro, se un comune ha lo 0,27% delle quote (Corbetta) non può avere lo stesso peso decisionale di un comune, come Magenta, che ha il 61,9% della proprietà dell’azienda, perché non ha investito, non ha creduto nell’azienda come altri comuni - ha continuato - E non vale nemmeno il discorso 'darò più servizi quando costeranno di meno, per il bene dei miei cittadini', perché più servizi si conferiscono, più si lavora proattivamente con l’azienda, meno i servizi costeranno per tutti. Certo, se lo scopo è solamente di mettere la bandierina politica sul nome del presidente, allora è tutta un’altra questione".

La questione delle dimissioni di alcuni consiglieri

Poi un riferimento alle dimissioni di alcuni consiglieri.

"Ho anche letto che alcuni consiglieri si sono dimessi perché la presidente non ha voluto aumentare lo stipendio all’amministratore delegato. Spero che nessuno creda seriamente a questa stupidaggine: davvero qualcuno può credere che la dott.ssa Cuciniello si sia dimessa perché la presidente non ha voluto aumentare lo stipendio all’amministratore delegato, l’avv. Colombo? Cioè, io mi dimetto perché non aumenti lo stipendio a un altro?
No, la questione è molto più semplice, la presidente non è riuscita a lavorare né con il consiglio di amministrazione né con i comuni e adesso accampa scuse tipo 'volevano più soldi', quando si sa che non è per nulla quella la questione. Se fosse una persona che ha a cuore l’azienda, dopo questo disastro, dopo la dimissione dei tre quinti del consiglio di amministrazione, si sarebbe semplicemente dimessa. Invece si tiene cara la sedia e si fa aiutare da mister 0,27%".

"Metodi da Prima Repubblica"

Infine il consigliere Trezzani ha chiosato: "Nessun comune ha mai fatto questioni squisitamente politiche per le cariche aziendali, si è sempre cercata innanzitutto la competenza, pare invece che i metodi 'da Prima Repubblica' che mister 0,27% imputa ad alcuni comuni soci, trovino la massima espressione proprio lì, in quella piccola percentuale di quote. Spero che la politica, quella vera, che lavora per il bene del territorio, trovi presto una soluzione che possa far tornare a lavorare Asm per i comuni e non per la politica fine a se stessa".