Cusago

Audizione in Regione, Scurati: "Tuteliamo i lavoratori"

Scurati: "“Confido che l'incontro di oggi  possa essere l'inizio di un nuovo percorso, in cui Regione Lombardia farà la sua parte, che eviti la chiusura e tuteli i lavoratori".

Audizione in Regione, Scurati: "Tuteliamo i lavoratori"
Politica Magenta e Abbiategrasso, 15 Luglio 2021 ore 17:10

“La possibile chiusura del sito produttivo di Cusago dell’azienda Rotork Gears rappresenta un colpo al cuore per il nostro territorio. Non è accettabile che al culmine della crisi economica dovuta alla pandemia da Covid-19 siano i lavoratori e le loro famiglie a pagare il prezzo più alto di questa situazione. Come Regione Lombardia abbiamo il dovere di tutelare i 28 dipendenti che rischiano la perdita del loro posto di lavoro e spingere le parti al dialogo in modo da trovare, se possibile, una soluzione alternativa alla chiusura del sito di Cusago". Così Silvia Scurati, Capogruppo della Lega in IV Commissione Attività Produttive, Istruzione, Formazione e Occupazione di Regione Lombardia, che aveva richiesto l’audizione di oggi sul caso Rotork Gears di Cusago.

Audizione in Regione, Scurati: "Tuteliamo i lavoratori"

Ho richiesto nei giorni scorsi l’audizione per mettere sindacati e azienda attorno allo stesso tavolo in modo da poter avere un quadro completo sulla situazione e consentire che la Regione possa attivare le azioni di propria competenza - prosegue - Mi rendo conto delle difficoltà economiche nel quale si trovano ad operare oggi le aziende, ma questo non significa che siano i lavoratori a doverne pagare le spese. Il licenziamento è una misura estrema che è accettabile solo nel momento in cui non ci sono soluzioni alternative. E comunque è giusto tentare di dare tutto il tempo e l'aiuto possibile ai dipendenti. Purtroppo c'è stato pochissimo preavviso e non sono state tentate tutte le strade per evitare di lasciare a casa 28 persone” aggiunge la Capogruppo Lega in IV Commissione.

"Spero sia inizio di un nuovo percorso"

“Confido che l'incontro di oggi – conclude Scurati -  possa essere l'inizio di un nuovo percorso, in cui Regione Lombardia farà la sua parte, che eviti la chiusura e tuteli i lavoratori. Nella peggiore delle ipotesi, dovranno essere immediatamente implementate misure di tutela, fra cui la cassa integrazione straordinaria per cessazione di attività”. Intanto, è iniziato lo sciopero.