Concerto di Natale della tradizione sudamericana

Domenica 17 dicembre alle 17 in Annunciata con ingresso libero

Concerto di Natale della tradizione sudamericana
Cultura Magenta e Abbiategrasso, 12 Dicembre 2017 ore 16:20

Uno speciale concerto di Natale all'Annunciata di Abbiategrasso

Concerto di Natale a cura di "Intende voci chorus"

Nell’ambito della rassegna Note di Natale, da segnalare questa settimana  l’evento organizzato direttamente dall’assessorato alla Cultura “Navidad Argentina” di Ariel Ramirez, messa e canti della tradizione natalizia sudamericana, che si terrà domenica 17 dicembre, alle ore  17, nell’ex convento dell’Annunciata.

Il concerto sarà a cura di INTENDE VOCI CHORUS, realtà corale che nasce a Milano nel 1980 come piccolo ensemble di voci maschili con il nome di ”Polifonica 10”, ma che ben presto si arricchisce di voci femminili e si dedica allo studio della polifonia rinascimentale e della musica barocca. Nel 2013 avviene il passaggio di testimone della direzione a Mirko Guadagnini che ne cambia il nome nell'attuale INTENDE VOCI CHORUS e ne amplia il repertorio aprendolo alla musica corale contemporanea. Maggiori info su: https://intendevocichorus.com/prossimi-concerti/

Ariel Ramirez

Ariel Ramírez compose Navidad Nuestra in collaborazione con il poeta Félix Luna, quasi completamente in una sola notte d'ottobre del 1963. I due artisti si trovarono a lavorare con lo stesso entusiasmo e ispirazione e, come racconta Luna, i temi musicali sui quali ritagliò i testi si concretizzarono quella notte con la naturale eccezionalità del miracolo. Navidad Nuestra è un quadro plastico di sapore creolo ispirato al tema della nascita di Gesù.

Si tratta di sei brani, sei quadri tematici, ciascuno costruito attorno ad una differente voce regionale e imperniato su un proprio ritmo o tipo di danza. Il testo poetico restituisce la narrazione religiosa in maniera libera attraverso un pastiche linguistico (caratteristico dell'America Latina) dove s'incontrano fondendosi spagnolo e lingua guaranì, l'idioma degli indios del Paraguay e delle province argentine Corrientes e Entre Ríos. Le musiche guidano il percorso narrativo e spirituale comunicando le atmosfere di una religiosità popolare molto particolare.

La Misa Criolla è unica nel suo genere; in essa i ritmi e la tradizione ispano-americana si intrecciano con i temi della tradizionale messa religiosa. Composta nel 1963, la Misa Criolla è stata concepita da Ramírez come un’opera per solisti, coro e orchestra, espressione di forme musicali puramente folkloriche caratterizzate dalla presenza di strumenti e ritmi tipici della tradizione popolare latino americana. Ariel Ramírez ha saputo conciliare il fervore religioso con l’elemento folklorico, dando ad ogni sequenza della messa un elemento di originalità.  Il Kyrie apre la messa con i ritmi della vidala e della baguala, due forme espressive particolarmente rappresentative della musica folkorica creola argentina. La gioia del Gloria viene esaltata dalla vivacità di una delle danze argentine più popolari, il carnavalito, segnato qui dalle note del charango; per il Credo, Ramirez sceglie il popolare ritmo andino della chacarera trunca, dando alla linea melodica drammatica, un ritmo ossessivo e quasi esasperato. Il Sanctus, prende invece le mosse dal Carnaval de Cochahamba, uno dei ritmi più suggestivi del folklore boliviano e, infine, l’Agnus Dei conclude la messa sullo stile della Pampa argentina.

L’ingresso è libero e gratuito.