Cronaca

Sequestrate 2.450 tonnellate di rifiuti abusivi

Ieri l'operazione dei carabinieri del Noe a Milano.

Sequestrate 2.450 tonnellate di rifiuti abusivi
Cronaca Rhodense, 29 Gennaio 2019 ore 08:46

I carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Milano ieri, lunedì, hanno sequestrato 240 tonnellate di rifiuti.

Sequestrate 2450 tonnellate di rifiuti

Proseguono incessantemente le attività volte a prevenire il fenomeno degli incendi di rifiuti attraverso la ricerca e  il sequestro di capannoni adibiti allo stoccaggio abusivo di rifiuti. Ieri, lunedì 28 gennaio 2019,  nel corso di un controllo svolto dal Noe dei carabinieri di Milano unitamente al personale della Polizia Locale della Sezione di Polizia giudiziaria del Tribunale di Milano, è stato sequestrato un sito industriale operante nel campo del trattamento dei rifiuti, al cui interno erano depositate circa 2450 tonnellate di rifiuti speciali (a fronte delle 117 tonnellate autorizzate), costituiti in larga parte da rifiuti da imballaggi, macerie da edilizia e materiali plastici, che potenzialmente avrebbero potuto essere date alle fiamme posto che il quantitativo risultava notevolmente eccedente rispetto ai quantitativi ammessi dalle autorizzazioni.

Denunciati i responsabili del sito

Tenuto conto del quantitativo e della tipologia di rifiuti rinvenuti, è tale da potersi ipotizzare un’illecita attività di gestione, raccolta e smaltimento di rifiuti speciali. Pertanto, i responsabili del sito sono stati denunciati in stato di libertà e segnalati alla Procura della Repubblica di Milano per gestione illecita dei rifiuti. Il sito industriale, benché in possesso delle autorizzazioni per lo stoccaggio dei rifiuti, è stato sottoposto a sequestro unitamente a tutto ciò che in esso era contenuto, compresi due autocarri pesanti, mentre sui rifiuti rinvenuti sono già in corso le attività di caratterizzazione mirate a verificarne l’esatta consistenza e l’eventuale pericolosità.

Non è purtroppo la prima volta che vengono messi sotto sequestro siti con stoccati rifiuti in grande quantità che in caso di incendio potrebbero costituire un pericolo per la salute.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter