aggressione

Rapinano due minorenni fuori da una scuola di Arese

Un giovane di Nerviano e uno di Vanzago hanno estratto un cavatappi e colpito le loro vittime portando via i cellulari, un portafogli e una cintura. Rintracciati a San Vittore Olona.

Rapinano due minorenni fuori da una scuola di Arese
Legnano e Altomilanese, 09 Ottobre 2020 ore 11:34

Rapinano due minorenni fuori da una scuola di Arese. Ad arrestarli sono stati i Carabinieri di Cerro Maggiore che li hanno rintracciati a San Vittore Olona.

Rapinano due minorenni fuori da una scuola di Arese

Avevano rapinato due minorenni fuori da una scuola di Arese, estraendo un cavatappi e colpendo le loro vittime alle quali avevano portato via i cellulari, un portafogli e una cintura. Ad arrestarli sono stati i Carabinieri di Cerro che li hanno rintracciati a San Vittore Olona.
Tutto era accaduto intorno alle 7.45 del 21 settembre all’esterno di un istituto scolastico di Arese. Un 21enne di Nerviano, nullafacente, insieme a un 24enne cileno, di Vanzago, si erano avvicinati a due studenti minorenni. Il nervianese aveva estratto un cavatappi per poi colpire i due studenti con schiaffi al volto intimando loro di consegnare i telefonini e i portafogli; il vanzaghese ne aveva invece aggredito uno, con schiaffi, facendosi consegnare la cintura che aveva addosso. I due rapinatori, dopo essersi fatti riferire i codici di accesso dei cellulari, si erano allontanati a bordo di un’auto. I due studenti feriti (uno dei due era recato all’ospedale di Garbagnate, dimesso poi con la tre giorni di prognosi) erano riusciti a notare il numero di targa. A tradire i fuggitivi è stata l’applicazione di localizzazione dei cellulari. I Carabinieri di Cerro ne hanno infatti localizzato uno a San Vittore e, durante un controllo, i militari hanno scoperto che i due, che tra l’altro erano in stato di alterazione alcolica, avevano cercato di vendere uno dei telefonini delle vittime a un 47enne marocchino. Inoltre, le indagini hanno accertato che l’auto utilizzata dai due rapinatori per scappare era stata coinvolta in un incidente stradale, a Limbiate, e a bordo erano stati identificati proprio i due giovani. Dalle descrizioni avute dalle vittime e dal marocchino a cui volevano vendere il cellulare, hanno permesso di avere ulteriori certezze che i rapinatori fossero proprio quei due. Così ieri, i militari di Cerro hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere (per il nervianese) e degli arresti domiciliari (per il vanzaghese) emessa dal Gip del Tribunale di Milano.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia