Cronaca
CERRO MAGGIORE

Morte sorelle Agrati, c'è la data del processo d'Appello per il fratello Giuseppe

Il 28 settembre 2022 udienza nel Tribunale di Milano; l'uomo è accusato di aver ucciso Carla e Maria dando fuoco alla loro abitazione

Morte sorelle Agrati, c'è la data del processo d'Appello per il fratello Giuseppe
Cronaca Legnano e Altomilanese, 16 Luglio 2022 ore 18:01

Morte delle sorelle Agrati di Cerro Maggiore, ecco quando inizierà il processo d'Appello per il fratello Giuseppe.

Morte sorelle Agrati, processo d'appello

Inizierà il 28 settembre 2022 il processo d'Appello per Giuseppe Agrati, in carcere dal novembre 2019 e condannato in primo grado all’ergastolo (con 9 mesi di isolamento diurno) il 21 dicembre 2021 dal giudice del Tribunale della Repubblica di Busto Arsizio: alle 9.15, inizierà il processo d'Appello nel Tribunale di Milano. Il ricorso alla sentenza di primo grado era stato presentato dagli avvocati Giuseppe Lauria e Desiree Pagani, difensori di Agrati. Nella sentenza di primo grado, Agrati è stato indicato come il responsabile della morte delle sorelle Carla e Maria, durante l'incendio della loro abitazione di via Roma a Cerro Maggiore la notte del 13 aprile 2015: per l'accusa Agrati, unico sopravvissuto, ha innescato il fuoco in tre punti per motivi legati all'eredità.

Parlano i difensori

"Nel merito contestiamo la ricostruzione degli orari dell’incendio così come ricordiamo il ritardo dei Vigili del fuoco che, quella sera, sono arrivati sul posto dopo 40 minuti - spiega Lauria - La nostra attenzione è anche sul presunto movente: la Procura parla di un 'movente che appare con elevate probabilità di natura economica' ma qui di certo non vi è nulla e le testimonianze dicono altro. Non siamo poi d’accordo sul fatto che sia stato dato valore di prova alle dichiarazioni contraddittorie rese da Agrati nell’interrogatorio di garanzia e in aula: perchè, come spiegato dallo psichiatra, Agrati è infatti un mitomane, una persona che tende a colorare e arricchire i suoi racconti e quello che dice non può essere usato contro di lui».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter