milano

Il Questore di Milano revoca la licenza a un bar: nascosti nel retro diversi tipi di droga

L'art. 100 prevede, qualora si ripetano i fatti che hanno determinato la sospensione, che il Questore possa revocare la licenza di un esercizio.

Il Questore di Milano revoca la licenza a un bar: nascosti nel retro diversi tipi di droga
Cronaca Milano città, 18 Dicembre 2020 ore 12:32

Dopo l’attività del Commissariato Mecenate che ha portato nei giorni scorsi all’arresto del titolare del Bar Family per detenzione ai fini di spaccio di droga, il  Questore di Milano Sergio Bracco, ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S., mercoledì 16 dicembre ha disposto la revoca della licenza dell’esercizio commerciale “Bar  Family” che è stata notificata ieri, giovedì 17 dicembre, dagli agenti del Commissariato Mecenate.

Il Questore di Milano revoca la licenza a un bar: nascosti nel retro diversi tipi di droga

Giovedì scorso 10 dicembre, verso le 14.30, i poliziotti del Commissariato Mecenate avevano perquisito il locale nel corso di un servizio antispaccio e, all’interno di uno scalda brioches, avevano trovato un bilancino elettronico di precisione e, nel retrobottega dietro ad uno specchio, un involucro con un grammo di  hashish e numerosi ritagli di buste di plastica di colore azzurro utilizzati per il confezionamento della sostanza stupefacente. Avvolti nello stesso materiale,
c’erano due involucri con cocaina (dal peso di un grammo ciascuno) nascosti dietro il cassetto utilizzato per la posa di caffè. Vicino alla cassa, infine, erano stati trovati 2 cellulari, un tirapugni e due coltelli da 8 centimetri di lama.
La perquisizione della cantina di pertinenza del bar, al piano seminterrato di via Parea 19, effettuata con l’ausilio delle unità cinofile dell’Ufficio Prevenzione
Generale della Questura, aveva portato al rinvenimento, nei pressi della stessa, di bilancini di precisione, un telefono cellulare, 5 sacchetti e involucri con 145  grammi di cocaina, un bicchiere di carta con 51 involucri di cocaina dal perso totale di 25 grammi, un panetto e due pezzi di hashish da 72 grammi totali.

La revoca si è resa necessaria dopo i numerosi interventi effettuati dagli agenti del Commissariato Mecenate che hanno portato all’arresto del titolare del bar,  giovedì scorso, per detenzioni ai fini di spaccio di droga e alla sua denuncia per il possesso abusivo di armi. L’arresto del 41enne cittadino egiziano, cui era stata  sospesa la licenza del bar per 10 giorni lo scorso dicembre 2019, segue di pochi mesi quello effettuato l’11 febbraio 2020 nelle medesime circostanze di tempo e di
luogo. Pochi mesi fa, a giugno 2020, infine, era terminato l’obbligo di presentazione presso il Commissariato Mecenate inflittogli a seguito dell’arresto.

L’art. 100 prevede, qualora si ripetano i fatti che hanno determinato la sospensione, che il Questore possa revocare la licenza di un esercizio.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità