Cronaca

Ergastolo per l'assassino di Antonietta Migliorati

Condannato Renato Modugno per l'omicidio della pensionata di Rho.

Ergastolo per l'assassino di Antonietta Migliorati
Cronaca Rhodense, 16 Gennaio 2019 ore 16:07

Il 17 agosto 2017 Antonietta Migliorati è stata trovata morta nella sua casa in via Belvedere a Rho. Il 5 marzo 2018 è stato arrestato Renato Modugno con l'accusa di aver ucciso a coltellate la sua ex vicina di casa.

LEGGI ANCHE: Antonietta Migliorati: l’assassino è l’ex portinaio del condominio di via Castelli Fiorenza 30

Ergastolo per l'assassino della pensionata di Rho

E' arrivata intorno alle 15 di mercoledì 16 gennaio 2019 la sentenza per Renato Modugno, 53enne accusato di aver ucciso la vicina di casa Antonietta Migliorati il 17 agosto del 2017. E' stata accolta la richiesta del pm Maria Letizia Mocciaro. L'uomo è stato quindi condannato all'ergastolo.

LEGGI ANCHE: 

Pm chiede l’ergastolo per l’assassino di Antonietta Migliorati

Omicidio Migliorati, il silenzio del killer

La dinamica

Renato Modugno, poco prima dell’omicidio, si trovava in casa della signora Antonietta, in via Belvedere a Rho, insieme alla ex moglie, la quale si è allontanata dall’appartamento intorno alle 16, poco prima del macabro fatto. Modugno era a conoscenza del fatto che la Antonietta teneva sempre la porta aperta. Dopo l’omicidio l’uomo si è allontanato di fretta in direzione di Varese, rubando solo pochi oggetti tra cui un ciondolo, un orologio e un orecchino. Per il pubblico ministero infatti, Modugno avrebbe provato a «simulare una rapina» cercando poi di rivendere gli oggetti al compro-oro di Arona.  L’arma del delitto sembrerebbe un coltello che però non è mai stato ritrovato. La signora Antonietta si è difesa dal suo omicida in salotto e poi è stata trascinata in bagno. La moglie e il figlio di Renato Modugno si sono dichiarati estranei all’accaduto.

LEGGI ANCHE: Omicidio Migliorati: il Killer di Antonietta ha tentato di vendere i gioielli rubati

Il movente dell'omicidio

Come ha ricostruito  il pm, il 53enne frequentava spesso la donna, che «forse, in qualche occasione, gli aveva letto le carte». Da qui il movente dell’omicidio, commesso senza premeditazione. «Forse quel giorno era andato dalla Migliorati per protestare perché la sua ex moglie non era tornata con lui – ha proseguito il pm – La donna, che era molto vitale, avrà sicuramente reagito, così lui l’ha prima colpita e poi accoltellata a  morte».

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter