Legnano

Covid-19, l'incubo a lieto fine di Alessandro

Il 33enne sta vincendo la propria battaglia contro il virus che ha stravolto le nostre vite.

Covid-19, l'incubo a lieto fine di Alessandro
Cronaca Legnano e Altomilanese, 29 Marzo 2020 ore 18:28

Covid-19, «È molto difficile, ma bisogna stare in casa e cercare di uscire il meno possibile. Vi prego, seguite le poche regole che abbiamo in questo momento: ne va della nostra vita e salute».

Covid-19, l'esperienza di un legnanese

È l’accorato appello del legnanese Alessandro Oldrini, 33 anni, che sta vincendo la propria personale battaglia contro il virus che ha stravolto le nostre vite, ma ammonisce: «Da questa emergenza si esce insieme. Ognuno faccia la sua parte».
Il giovane è stato dimesso dall’ospedale di Legnano lunedì, dopo un ricovero durato otto giorni, ma non può ancora definirsi guarito: «La paura non è cambiata, temo di essere ancora infettivo e di contagiare mia moglie e mia figlia di 3 anni anche se indosso mascherina e guanti; la preoccupazione resterà fino a che non farò nuovamente il tampone e darà esito negativo». Tutto è iniziato domenica 8 marzo, con 38,5 di febbre... L'incubo è durato due settimane, ora fortunatamente il giovane può essere ottimista, ma «è stata un'esperienza che non avrei mai voluto affrontare e il pensiero corre inesorabilmente a quelle persone meno fortunate che si trovano in Terapia intensiva, in Rianimazione o peggio a tutti coloro che non ce la fanno e non possono nemmeno salutare per l’ultima volta i propri cari».

L'intervista completa sul numero di Settegiorni Legnano-Alto Milanese in edicola da venerdì 27 marzo e sull’edizione sfogliabile.

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE