Menu
Cerca

Botte e minacce alla madre per avere i soldi per la droga: "Fanno bene in Arabia dove frustano le donne"

"Aiutatemi, se non faccio quello che dice mi ammazza"

Botte e minacce alla madre per avere i soldi per la droga: "Fanno bene in Arabia dove frustano le donne"
Cronaca Saronno, 24 Giugno 2019 ore 13:42

Arrestato un 17enne di Cassano Magnago, da almeno un anno botte e minacce alla madre: voleva i soldi per comprarsi la droga.

Botte e minacce alla madre, inferno in una casa di Cassano

Minacce, violenze, continue richieste di denaro andavano avanti almeno dal maggio del 2018, quando lui, giovane italiano di Cassano Magnago, aveva solo 16 anni. Vittima la madre, che veniva perseguitata, insultata e picchiata perchè continuasse a dargli i soldi necessari a comprarsi sostanze stupefacenti, di cui faceva ampio uso e che pare smerciasse. Arrivata persino a lasciare la casa rifugiandosi dal fratello, la donna impaurita ed esasperata si è rivolta ai carabinieri di Cassano: "Se non faccio quello che dice mi ammazza", ha spiegato ai militari.

"Fanno bene in Arabia. Quando di trovo ti faccio fuori"

Il giovane, spesso sotto effetto soprattutto mentre inveiva e picchiava la madre, è stato ora arrestato e condotto in un carcere minorile. In camera sua sono stati trovati anche 35 grammi di hashish e un bilancino di precisione che subito hanno fatto pensare a un'attività di spaccio. Alla madre il figlio era arrivato a chiedere anche 150mila euro: "Fammi avere 150mila euro entro domani…cambia lavoro, cambia vita, cambia nazione perché quando ti trovo ti faccio fuori", le ha detto in un'occasione. "Tu devi fare quello che dico io. Se non lo fai le prendi. Le donne andrebbero tutte picchiate, fanno bene in Arabia che frustano le donne. Tu devi stare zitta. Devi fare quello che dico io, madre di m…, t..., p…". Frasi riportate nell'ordinanza di arresto, che ben definiscono lo stato di violenza perenne in cui ha dovuto vivere la madre. Le minacce non erano destinate solo a lei, anche alle colleghe, spesso inviate via WhatsApp per non lasciare, nemmeno una volta lasciato l'uscio di casa, respiro alla madre.

LEGGI ANCHE: Picchiata dal marito tunisino davanti alla figlia di un anno