Menu
Cerca
Turbigo

Barbara d'Urso e il caso del finto infermiere

La popolare conduttrice ha negato di aver mai offerto soldi all'uomo che in un video aveva detto di essersi finto infermiere a un controllo dei carabinieri per evitare la multa.

Barbara d'Urso e il caso del finto infermiere
Cronaca Legnano e Altomilanese, 22 Aprile 2020 ore 19:32

Barbara d'Urso sul caso dell'uomo che in un video aveva detto di essersi finto infermiere a un controllo dei carabinieri a Turbigo per evitare la multa.

Barbara d'Urso: "Mai offerto soldi"

"Mai offerto soldi a una persona del genere". Così ha dichiarato la popolare conduttrice durante la trasmissione Pomeriggio Cinque di mercoledì 22 aprile 2020, parlando del protagonista del video che ha fatto discutere tutta Italia.  La precisazione è arrivata dopo la telefonata tra l'uomo e Giuseppe Cruciani, alla Zanzara su Radio24,  durante la quale il finto infermiere ha detto che non avrebbe accettato di farsi intervistare se non dietro compenso e ha aggiunto che la d'Urso l'aveva pagato. "Ci tengo a fare una precisazione. Siccome leggo molte volte sui siti 'Mi ha chiamato la d'Urso', 'Mi voleva la d'Urso', 'Mi ha richiesto la d'urso'... non è vero mai - sono state le parole del celebre personaggio televisivo - Io non chiamo mai. Io lavoro, nelle trasmissioni che conduco, con due line giornalistiche, composte da giornalisti veramente eccellenti, dei quali mi fido totalmente, e idem mi fido totalmente della redazione che lavora con noi. Quasi sempre ci interfacciamo - noi, i giornalisti e la redazione - A volte non è possibile per mancanza di tempo. Allora io ho letto questo e ho detto: strano che noi abbiamo cercato una persona del genere e soprattutto impossibile che noi abbiamo offerto dei soldi".

"Era tutto finto, uno scherzo"

Ricordiamo che lunedì l'autore del filmato (apparso su facebook due giorni prima) aveva confessato che si trattava di uno scherzo: "Non mi ha fermato nessuno, era un video goliardico tra amici e qualcuno l’ha messo on line. Chiedo scusa" aveva detto in una videoconfessione nel quale si rivolgeva a chi lo aveva attaccato.

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE