Parabiago

Ancora inversioni pericolose sul Sempione

Troppe le inversioni a U lungo il Sempione, soprattutto nel tratto di strada dove Pietro Calogero e Bianca Ballabio hanno perso la vita.

Ancora inversioni pericolose sul Sempione
Legnano e Altomilanese, 22 Agosto 2020 ore 14:45

Ancora inversioni pericolosissime lungo il Sempione, soprattutto all’altezza del punto in cui Pietro Calogero e Bianca Ballabio hanno perso la vita.

Ancora inversioni sul Sempione tra Parabiago e S. Vittore Olona

Sono passate quasi tre settimane da quel terribile incidente sul Sempione che è costato la vita, prima, a Pietro Calogero, 20 anni di Nerviano, e nove giorni dopo anche alla sua amica Bianca Ballabio, 20enne residente a Legnano, eppure si continua a rischiare la vita ogni giorno. Ancora troppe le macchine che, nell’esatto punto della tragedia – tra San Lorenzo di Parabiago e San Vittore Olona – continuano a fare inversioni a U uscendo dall’hotel per andare in direzione Legnano o, da San Vittore Olona, svoltando per entrare nel parcheggio del supermercato invece di dirigersi verso la rotonda del cimitero di San Lorenzo. Una manovra pericolosa e vietata vista la presenza della doppia linea continua, che però accade anche poco più avanti, sempre sul Sempione ma all’altezza di via Puccini, in territorio di San Vittore Olona.

L’Amministrazione pensa anche a interventi strutturali

Una situazione grave su cui qualcuno ha chiesto anche l’intervento dell’Amministrazione parabiaghese. Sulla situazione e sulla presenza ancora di guidatori che non seguono le regole del Codice della strada intervengono sia il sindaco Raffaele Cucchi sia l’assessore alla Sicurezza Barbara Benedettelli, che assicurano un possibile intervento strutturale su quel tratto di strada, che è stato discusso nel tavolo sulla sicurezza di ieri, venerdì 21 agosto 2020.

LEGGI ANCHE: Incidente tra auto e moto sul Sempione: muore ragazzo di 20 anni

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia