Albero con pelliccia (sintetica) da Esselunga: gli animalisti protestano

Non una questione di stile e gusto ma, per gli animalisti, di etica e messaggi.

Albero con pelliccia (sintetica) da Esselunga: gli animalisti protestano
Saronno, 15 Dicembre 2019 ore 17:50

Il Movimento Centopercentoanimalisti contro la catena di supermercati, che per Natale vende un albero di Natale in finta pelliccia.

Albero con pelliccia all'Esselunga, è polemica

Albero in legno e pelliccia e il Natale si tinge di polemica. Nel mirino c'è Esselunga, che vende quel soprammobile natalizio nei suoi negozi. E anche se la pelliccia è sintetica, nella polemica come nei regali per il movimento Centopercentoanimalisti è il gesto che conta: "Alla faccia del buon gusto, Esselunga mette in vendita (a basso prezzo e pure scontato) un alberello di natale realizzato in legno e pelliccia. La pelliccia, meno male, è sintetica. Ma è sempre un 'simbolo' macabro. Noi di Centopercentoanimalisti da sempre siamo contro le ostentazioni che lanciano comunque un messaggio sbagliato".

LEGGI ANCHE: "Via dagli scaffali Lidl il guinzaglio da bici per cani, è vietato"

Promozione alla pelliccia?

Sempre per il Movimento, distintosi in passato per alcune campagne come quella contro l'utilizzo di un polpo nella pubblicità di Unieuro e per i blitz contro le operazioni di selezione dei cinghiali da parte del Parco Pineta, l'alberello di Esselunga "può suggerire a qualche idiota l'idea di usare pelliccia vera,  di animali ammazzati e scuoiati. Già si vedono in giro borsette o calzature fatte con animali imbalsamati: non è il caso di diffondere". E come per Unieuro, gli attivisti chiedono a Esselunga di "togliere questo articolo e riflettere sul passo falso, magari emanare un comunicato chiarificatore, tra l'altro l'alberello è orribile".

LEGGI ANCHE: Cinghiali nel Parco Pineta, centopercentoanimalisti contro i sindaci che vogliono l'abbattimento