Il calciatore rhodense Raoul Bellanova approda all’Atalanta

Definito l'arrivo a Bergamo del giovane di scuola Milan, il ragazzo è atteso a Zingonia.

Il calciatore rhodense Raoul Bellanova approda all’Atalanta
Rhodense, 28 Gennaio 2020 ore 17:05

Manca solo l’annuncio ufficiale, che arriverà a breve dopo le visite mediche: il terzo acquisto del mercato di gennaio dell’Atalanta è l’esterno destro Raoul Bellanova. Dopo gli innesti di Mattia Caldara e Lennart Czyborra, la società orobica si porta a casa un altro ragazzo di grande prospettiva (classe 2000) reduce da un’esperienza poco entusiasmante con il Bordeaux dopo che la trafila nelle giovanili del Milan lo aveva fatto notare a diversi osservatori del calcio giovanile italiano.

LEGGI ANCHE: Mondiali di calcio: due talenti sono del nostro territorio

L’esterno destro Raoul Bellanova approda all’Atalanta

Raoul Bellanova è di Rho e la formula del suo arrivo a Bergamo dovrebbe essere quella già anticipata nelle scorse settimane: prestito fino al 30 giugno 2021 e successivo diritto di riscatto (da verificare le condizioni) fissato intorno ai cinque milioni di euro. Bellanova è un esterno destro dai grandi mezzi fisici, l’operazione è stata chiusa battendo la concorrenza di altre squadre (anche il Verona era interessato) e va vista in ottica futura: qualche mese di apprendistato all’ombra di Castagne e Hateboer e successivamente il lancio nell’Atalanta che verrà.

Chi è Raoul

Bellanova è cresciuto nelle giovanili del Milan, dove ha giocato dall’età di 6 anni, arrivando ad essere giocatore della primavera (potendo vantare anche qualche convocazione con la prima squadra) fino a quando il 31 gennaio 2019, in scadenza di contratto, è stato acquistato dal Bordeaux (squadra di Ligue 1 francese), rimanendo però a Milano, in prestito, fino alla fine della stagione. Il laterale difensivo ha già partecipato agli Europei di categoria nel 2018 in Finlandia, dove l’Italia ha conquistato il secondo posto finale.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia