magenta

Liceo Quasimodo, l’augurio per un nuovo anno da parte dei Rappresentanti dei genitori

"Che sia un anno di grandi visioni, vera ripresa e ritrovata serenità"

Liceo Quasimodo, l’augurio per un nuovo anno da parte dei Rappresentanti dei genitori
Magenta e Abbiategrasso, 14 Settembre 2020 ore 12:07

Oggi, lunedì 14 settembre, molti studenti sono tornati sui banchi di scuola dopo un’assenza di diversi mesi data dell’emergenza Coronavirus. Alcuni di questi sono gli alunni del Liceo Quasimodo di Magenta e a tal proposito i Rappresentanti dei genitori in Consiglio di Istituto hanno voluto augurare a tutti i giorni un buon nuovo anno.

Liceo Quasimodo, l’augurio per un nuovo anno da parte dei Rappresentanti dei genitori

“L’inizio di un nuovo anno scolastico da sempre suscita emozioni, talvolta preoccupazioni ma soprattutto buoni propositi, sogni.

Soprattutto quest’anno, dopo che l’attività scolastica è stata traumaticamente interrotta a fine febbraio a causa di Covid-19 con il suo carico di dolore e di pesante condizionamento del vivere sociale, la ripresa della scuola assume un valore speciale.

I nostri figli rivedranno i loro Insegnanti che sono stati chiamati ad uno sforzo supplementare per far fronte a situazioni prima d’ora mai vissute né prevedibili a cui va il ringraziamento di tutti. Rivedranno loro compagni di scuola, amici con alcuni dei quali hanno solo condiviso negli ultimi mesi lezioni o contatti a distanza. Senza il genuino calore di un abbraccio. Riscopriranno il valore dello stare insieme e la speranza che questo giorno sia solo l’inizio di un nuovo orizzonte verso un futuro che potranno finalmente tornare a vivere con la normalità e la serenità di sempre.

Noi genitori conserveremo il ricordo di questi mesi come un periodo in cui la vita familiare ha subito significativi scombussolamenti. Un periodo in cui tra mille difficoltà da un lato abbiamo cercato di sostenere i nostri figli a vivere una condizione anomala in una età per sua natura assetata di conoscenza, amicizia, affetti e dall’altro lato, credendo proprio nell’immenso valore che ha la scuola con tutte le sue dinamiche socio-educative, ricorderemo loro che non li abbiamo mai dimenticati, lavorando sodo nel contesto del Consiglio di Istituto ed in stretto contatto con le Istituzioni per garantire nel prossimo futuro aule e spazi più adeguati affinché studenti, docenti, personale ATA possano studiare, insegnare, lavorare sentendosi sempre più motivati nelle loro specifiche funzioni. Poiché l’assegnazione dell’importante somma di 5 milioni di Euro a beneficio del futuro del Quasimodo è ora realtà.

Crediamo che l’emergenza Covid-19 abbia fatto comprendere quanto sia importante disporre oggi più di ieri di strutture moderne, agili, sicure.

Al di là delle attività ordinarie del Consiglio di Istituto che riceveranno la nostra attenzione di sempre, dedicheremo da subito – grazie anche alla creazione di un tavolo di lavoro congiunto Scuola-Istituzioni che abbiamo fortemente voluto – tempo, passione e competenza nel pieno rispetto di ruoli e funzioni, consapevoli che in una struttura scolastica migliore Insegnanti e personale potranno dare il meglio di sé in condizioni di maggiore sicurezza e serenità per valorizzare ulteriormente la loro professionalità a vantaggio dei nostri figli e della Cultura in senso lato.

Buon inizio a tutti dunque! Che sia un anno di grandi visioni, vera ripresa, ritrovata serenità durante il quale si potranno lasciare alle spalle preoccupazioni e timori a favore di progetti virtuosi, sinergici che consentano ai nostri figli di vivere con impegno dentro la scuola quel bellissimo pensiero di Italo Calvino che in Lezioni Americane scriveva “Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”.

Avanti tutta dunque con ottimismo e senso di responsabilità.

I Rappresentanti dei Genitori in Consiglio di Istituto – Liceo Quasimodo di Magenta

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia