Politica
Dal calcio alla politica

SiAmo Magnago e Bienate imbarca Nicodemo Filippelli

Il presidente dell’Accademia Bmv entra a far parte della nuova lista civica: «Mi piacerebbe diventare assessore allo Sport».

SiAmo Magnago e Bienate imbarca Nicodemo Filippelli
Politica Legnano e Altomilanese, 26 Dicembre 2021 ore 07:37

SiAmo Magnago e Bienate, la neonata lista civica fondata da Massimo Riondato, imbarca un volto noto del paese.

SiAmo Magnago e Bienate: il presidente Filippelli dal calcio alla politica

E' quello di Nicodemo Filippelli (nella foto di copertina), presidente dell’Accademia Bmv, la società calcistica che opera al centro sportivo di via Montale, che ha unito sotto lo stesso tetto anche Vanzaghello e che ora conta circa 300 tesserati di cui 240 minorenni. Da sempre appassionato di sport, ha dedicato gli ultimi anni alla gestione e sviluppo della fusione tra le società dei due paesi; un passato da arbitro, allenatore, attualmente dipendente dell'ospedale di Busto Arsizio, che tra qualche mese lascerà per godersi la meritata pensione e, vista la scesa in campo politico, dedicarsi a tutta la comunità magnaghese.

"In questo nuovo progetto porto l'esperienza acquisita nel mondo dello sport"

"Mi piacerebbe portare l'esperienza che in questi anni ho acquisito nel mondo dello sport, oltre che del lavoro, in questo nuovo progetto - commenta Filippelli - Penso che Magnago possa avere ancora di meglio e mi piacerebbe fare l'assessore allo Sport. Abbiamo un centro sportivo di buon livello a cui, per esempio, servirebbe qualche ritocco, a partire da una tensostruttura che permetterebbe di ampliare l'offerta e coinvolgere anche, tra gli altri, i disabili. In questi anni, in via Montale, abbiamo fatto ottime cose, grazie anche a tutti i collaboratori che mi hanno supportato. Non penso a progetti faraonici, la situazione economica attuale non permette voli pindarici, ma sicuramente migliorare è possibile. Un intervento alla volta, senza strafare: chi mi conosce sa che non faccio promesse senza poi mantenerle, un passo alla volta".