Per il ritorno sui banchi

Riparte la scuola, il Pd di Magenta: “Nessuno sia lasciato indietro”

Il Partito democratico si rivolge ad alunni, docenti e famiglie citando don Lorenzo Milani

Riparte la scuola, il Pd di Magenta: “Nessuno sia lasciato indietro”
Magenta e Abbiategrasso, 13 Settembre 2020 ore 10:26

Riparte la scuola e la il Partito democratico di Magenta si rivolge ai docenti, alunni e genitori.

Riparte la scuola, il messaggio del Pd

Un augurio di buon anno scolastico a chi torna sui banchi e a lavorare nella scuola citando don Lorenzo Milani: “Chi non farà scuola animato da un grande amore, non faccia scuola”. Così il Partito democratico di Magenta manda il suo messaggio ad alunni, docenti e famiglie che domani, lunedì 14 settembre 2020, torneranno in aula.
“Anche quest’anno è arrivato il momento di tornare a scuola – affermano dal Pd locale Enzo Salvaggio, Marzia Bastianello, Elisabetta Mengoni, Eleonora Preti e Luca Rondena
Il suono della campanella dopo la pausa estiva, dopo il tempo sospeso e spensierato delle vacanze,
segna da sempre il ritorno alle attività quotidiane e si carica di aspettative e rinnovati propositi.
La scuola è un’istituzione che, con i suoi ritmi consolidati e i suoi riti rassicuranti, scandisce lo
scorrere del tempo in una società sempre più ‘liquida’ e disarticolata. Il ritorno tra i banchi, tuttavia, non avrà quest’anno lo stesso sapore di sempre.  Numerose sono ancora, ad oggi, le incognite e le incertezze dopo che, per sei lunghi mesi, le scuole come spazio fisico di incontro e relazione sono state costrette a chiudere i battenti e ad inventare, con estro e spirito di iniziativa, nuove forme per garantire uno dei diritti fondamentali della persona: il diritto allo studio.
A tutti i dirigenti, i maestri, i professori, il personale scolastico che, con passione e dedizione,
nelle prossime settimane ricominceranno a svolgere in pienezza il loro mestiere rivolgiamo un
sentito augurio di buon lavoro. E un sincero ringraziamento, con l’auspicio che la scuola torni
davvero ad essere – non a parole, ma nella pratica – il cuore pulsante di un Paese che prova a
ricostruirsi dopo i mesi terribili che abbiamo attraversato”.
E annunciano: “L’augurio che ci sentiamo di rivolgere è di non pensare, in prima istanza, a tutto quello che di negativo aleggia intorno a questa ripartenza, alle polemiche spesso inconcludenti, alle difficoltà ancora da affrontare, che pure vi chiediamo di segnalare e denunciare. A tale proposito, come forza politica che ha siede tra i banchi del Consiglio comunale, rinnoviamo il nostro impegno,  impiegando gli strumenti e le risorse che abbiamo a disposizione per sollecitare le istituzioni, ad ogni livello, a garantire i mezzi necessari perché le scuole non solo riaprano, ma anche proseguano la propria attività in sicurezza, senza lasciare nessuno indietro. L’augurio primario che ci sentiamo di rivolgere è però quello di vivere con gioia il ritorno in aula,forti della consapevolezza che sono le relazioni cariche di umanità a creare il terreno fertile perché vi sia una reale formazione ispirata ai valori di libertà e democrazia in cui ci riconosciamo.Non esiste scuola senza le persone, non esiste scuola – parafrasando Don Milani – senza amore e passione. Buon anno scolastico”.

TORNA ALL’HOMEPAGE PER LE ALTRE NOTIZIE

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia