Menu
Cerca
Il commento

Rilancio del Poliambulatorio: la posizione del Pd

Sugli incontri tra l'Amministrazione e i vertici dell'Asst per il rilancio dei servizi del Poliambulatorio interviene anche il Pd.

Rilancio del Poliambulatorio: la posizione del Pd
Politica Legnano e Altomilanese, 09 Aprile 2021 ore 16:19

In merito agli incontri avviati dall’Amministrazione per il rilancio dei servizi del Poliambulatorio di via XI Febbraio a Parabiago, prende posizione anche il Pd.

Rilancio Poliambulatorio: “Soddisfatti per i buoni propositi”

Sulla questione, che aveva preso avvio proprio da una mozione del Pd, interviene il consigliere “dem” Giorgio Nebuloni:

“Leggiamo degli incontri dell’amministrazione comunale di Parabiago con i vertici dell’Asst Ovest Milanese, di Ats Città Metropolitana e dell’assessore al Welfare di Regione Lombardia. In qualità di consigliere comunale parabiaghese e di presentatore della mozione, insieme alle altre consigliere del gruppo del Pd, mozione fatta propria da tutto il Consiglio Comunale, non posso che esprimere soddisfazione per ‘i buoni propositi’ che gli incontri sembrano promettere. Il Poliambulatorio di Parabiago, leggiamo,  ‘verrà valorizzato e utilizzato anche per lo sviluppo del servizio di medicina territoriale'”.

“Vigileremo affinché seguano azioni concrete”

Poi ha continuato Nebuloni:

“Noi abbiamo sempre ritenuto folle ‘disarmare’ un presidio territoriale che serve una popolazione di almeno 60.000 persone (tra Parabiago e i Comuni limitrofi) costringendo l’utenza a concentrarsi nelle strutture sanitarie ospedaliere di Legnano. Ancora più folle che si sia arrivati a chiudere il Poliambulatorio per tutto il mese di agosto 2020 con la pandemia in pieno sviluppo. Il Poliambulatorio di Parabiago abbiamo sempre ritenuto essere un presidio fondamentale per la salute della popolazione, per migliorare l’accessibilità ai servizi da parte dei nostri concittadini e soprattutto alle cosiddette ‘fragilità’. Riteniamo positivo che, anche in questa regione, si torni a riscoprire l’importanza della ‘medicina di territorio’ e del ruolo che, in questo ambito, strutture di questo tipo possono giocare. Vigileremo che ‘ai buoni propositi’ seguano azioni concrete, a partire dall’imminente periodo estivo, oramai alle porte”.