Parcheggio Bertani, il Comune preme sulla proprietà

Che fine ha fatto la nuova area parcheggio del centro? Un anno fa l'annuncio dell'ex assessore, poi il nulla. Oggi qualcosa si starebbe muovendo

Parcheggio Bertani, il Comune preme sulla proprietà
Politica 04 Novembre 2017 ore 12:30

Dopo il via libera in consiglio a Tradate all'affitto dei parcheggi dell'ex Kristal, ora l'attenzione passa all'area sotto al nuovo condominio di corso Bernacchi.

Parcheggio Bertani una vicenda lunga 8 anni

L'idea di una nuova area parcheggio a ridosso del corso Bernacchi non è nuova. Se negli anni si è parlato, per esempio, di un parcheggio interrato sotto la piazza Mazzini, è nel 2009 che l'amministrazione di Stefano Candiani colse la palla al balzo. Inserendo nellla convenzione per la realizzazione di un nuovo condominio (progettato dal privato durante il mandato di Dario Galli) in centro l'obbligo per la proprietà di destinare una parte dei parcheggi sotterranei ad uso pubblico. Abbattuto il vecchio fabbricato appunto nel 2009, la costruzione del nuovo era terminata durante l'amministrazione di Laura Cavalotti. Nel settembre scorso, l'allora assessore all'Urbanistica Alice Bernardoni aveva anche preannunciato la prossima apertura del parcheggio da 45 posti auto entro quel Natale. Ad oggi, però, il cartello indicante il posteggio è ancora oscurato.

Ritardo di 11 mesi

L'ultimo aggiornamento sulla vicenda arriva dall'attuale assessore alle Opere Pubbliche Claudio Ceriani. La giunta Galli ha infatti ripreso in mano la questione, intenzionata a portarla a termine prima del Natale per portare in città complessivamente 90 posti auto in più, tra i parcheggi Bertani e quelli dell'ex dancing Kristal. "Stando alla convenzione l'area sarebbe dovuta essere resa disponibile al pubblico da dopo il collaudo - spiega Ceriani - Avvenuto il 15 dicembre 2016. Siamo ben oltre i termini previsti". Il nodo da sciogliere riguarderebbe la gestione del parcheggio. Ceriani riferisce che "la convenzione prevede che ad avvenuto collaudo le opere asservite ad uso pubblico vengano messe a sua disposizione. E che sarà cura del proprietario assicurarne la cura ordinaria e il mantenimento degli standard previsti". Quindi, gestione e spese relative in capo alla proprietà.

Parcheggio Bertani a pagamento o a disco?

Per rientrare o per lo meno ammortizzare le spese relative alla gestione dei posteggi, la proprietà del condominio sarebbe intenzionata a farne sì un parcheggio pubblico ma a pagamento. Di diverso avviso l'Amministrazione (come probabilmente, vista l'assenza di notizie dall'annuncio di Bernardoni, anche la precedente). "Noi riteniamo debba essere gratuito - replica Ceriani - Sulla base della convenzione riteniamo che quell'area debba essere ad uso pubblico e libero. Finora la trattativa bonaria non ha portato a una soluzione sostenibile per entrambe le parti. Pertanto, verificata la convenzione, abbiamo scritto nei giorni scorsi alla proprietà, invitandola a rendere disponibile l'area quanto prima".