Menu
Cerca

Manifesto contro il Pd a firma "Bella Ciao", è polemica

La sezione dell'associazione nazionale partigiani italiani di Vanzaghello contro il gesto accaduto in questi giorni

Manifesto contro il Pd a firma "Bella Ciao", è polemica
Politica Legnano e Altomilanese, 02 Novembre 2019 ore 10:11

Manifesto contro il Pd a firma "Bella Ciao" all'esterno della sede di Vanzaghello a firma "Bella Ciao". La condanna della sezione dell'Anpi.

Manifesto contro il Pd a firma "Bella Ciao", interviene l'Anpi

Un manifesto appeso all'esterno della sezione del Partito democratico di Vanzaghello. Che recitava: "Di democratico non avete più niente! Siete al potere senza il voto del popolo! Oggi voi siete i fascisti arcobaleno noi la resistenza! firmato Bella Ciao".
E' quello apparso la sera di giovedì 31 ottobre sulla vetrata della sede di via Novara del Partito democratico. Forte la condanna da parte della sezione locale dell'Anpi (Associazione nazionale partigiani italiani): "Il direttivo della sezione Anpi di Vanzaghello  - scrive la presidente Pina Geviti nella lettera inviata al Pd - esprime, nei confronti della vostra sezione, la più completa solidarietà per l’irresponsabilità della scritta posta qualche giorno fa sulla vetrata della vostra sede e l’assoluta distanza da chi utilizza i migliori testi antifascisti e resistenziali per infangarne gli alti valori di libertà, democrazia, uguaglianza, che, con instancabile coraggio furono conquistati e che oggi non ci stanchiamo di coltivare sia per il nostro presente che per il futuro delle nostre giovani generazioni. Solidarietà nei confronti dell'attacco alla sezione del Partito Democratico di Vanzaghello e distanza dall'utilizzo demenziale della firma "BELLA CIAO" che per noi è Storia, simbolo Resistenziale e frutto di immensi sacrifici, nonchè di fondamentale importanza per il nostro presente e per il futuro delle nostre giovani generazioni".

La solidarietà dei circoli Dem

Dopo l'accaduto, si fa sentire la solidarietà dei circoli Dem.  Dichiara il segretario del circolo di Castano Primo, Alessandro Landini: "Come Segretario del Circolo Sandro Pertini di Castano e Coordinatore d’ambito PD del Castanese voglio esprimere la mia piena solidarietà e vicinanza al circolo pd di Vanzaghello e al suo segretario per quanto successo nei giorni scorsi.  Il Partito Democratico, specie nelle sue sedi locali, subisce da sempre atti intimidatori e vandalismi di questo genere, ma ha sempre avuto la forza di continuare ad impegnarsi, a fare Politica (quella vera, quella dal basso) a mantenere vivi i suoi principi, i suoi ideali. Questo sappiamo farlo da sempre, è evidente che non ci possono intimidire simili gesti vigliacchi e rancorosi. Il Partito Democratico continuerà a fare politica in mezzo alla gente, nelle sue sedi, nelle istituzioni, nelle piazze con la schiena dritta e soprattutto senza mai offendere gli avversari, per noi fare Politica è anche questo. Farla dentro il Pd ritengo sia un valore aggiunto. Guardiamo avanti e pensiamo al futuro di questo Paese e del nostro Territorio".
A lui si unisce il segretario del circolo PD di Turbigo e Nosate, Simone Meazza: "Dopo quello contro la sede del circolo PD di Ossona, una altro gesto stupido e ignoranti nei confronti del circolo PD di Vanzaghello, a poca distanza da noi. Cosa pensano di ottenere gli autori di simili gesti? Di intimidire forse il nostro partito? Poveri illusi. Al segretario del PD di Vanzaghello, Ferdinando Borgatello, e tutti gli iscritti del circolo, esprimo la vicinanza del circolo PD di Turbigo e Nosate".

TORNA ALL'HOMEPAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE