Politica

"Malnate saccheggiata dai ladri, basta rassicurare: è ora di agire"

Il consigliere della Lega Paola Cassina: "L'Amministrazione non vuole chiedere ai cittadini se hanno paura e se si rivolgono alle autorità per sporgere denuncia in caso di problemi"

"Malnate saccheggiata dai ladri, basta rassicurare: è ora di agire"
Politica Saronno, 24 Dicembre 2019 ore 14:44
Il problema furti arriva in consiglio comunale a Malnate, con il gruppo Lega che chiede un sondaggio fra i cittadini, che intanto scrivono al Comune raccogliendo oltre 300 firme.

"Malnate saccheggiata dai ladri"

"Da inizio novembre, Malnate è diventata  terra di saccheggio. Lo gridano i cittadini sui social, se ne parla sulla stampa e nei bar". Continua a tenere banco il problema dei furti a Malnate, e la scorsa settimana lo ha fatto anche in consiglio comunale dove è stata consegnata una lettera dei cittadini e si è discussa la richiesta avanzata dai consiglieri della Lega di un sondaggio tra la popolazione.

"Le rassicurazioni non bastano"

"Dopo un nostro intervento in consiglio comunale - spiega il capogruppo del Carroccio Paola Cassina -  è partita una campagna mediatica da parte della Amministrazione Comunale volta a rassicurare i cittadini eppure, la situazione furti non si è risolta, tutt’altro.  Si punta tutto sul Controllo di Vicinato come se fosse la panacea di tutti i mali invece è semplicemente una buona prassi e come tale va considerata. Per noi è inaccettabile che tanti cittadini, soprattutto i più fragili, vivano in uno stato di continuo allarme. Basta ripetere che Malnate è una città sicura, bisogna riconoscere che si può fare di più".

Il sondaggio

"Abbiamo altresì chiesto con una mozione - proseguono i consiglieri - di svolgere  tra i cittadini un sondaggio per capire innanzitutto se i malnatesi si sentano sicuri in Paese, se abbiano subito furti negli ultimi due anni e se abbiano provveduto a sporgere regolare denuncia ai Carabinieri. Nel caso in cui ciò non fosse stato fatto sarebbe utile capirne le motivazioni, in questo modo incrociando i dati in possesso delle Forze dell'ordine avremmo il dato puntuale su cui riflettere e da cui far ripartire il sistema sicurezza in Paese". Una proposta accolta solo parzialmente dal sindaco Irene Bellifemine, che di contro ha proposto di chiedere ai cittadini se conoscano o meno il Controllo di Vicinato, "eludendo così il fulcro ed il significato delle richieste da noi avanzate - lamentano dalla Lega - Non vogliono chiedere ai cittadini se hanno paura e se si rivolgono alle autorità per sporgere denuncia in caso di problemi, ci chiediamo allora di che cosa gli amministratori abbiano davvero paura? Cosa li spaventa al punto da non dare libera voce ai propri cittadini?  Questo sondaggio ha  proprio l’obiettivo di avvicinarsi alla gente e creare con loro un percorso comune, di condivisione e di partecipazione cosa che, appare sempre più in forma evidente, a questa  Amministrazione non interessa perché concentrata esclusivamente sul controllo di vicinato di cui, loro stessi, lamentano la poca adesione da parte dei referenti di zona alle riunioni operative".

Lettera e manifesti in consiglio

Nel frattempo un gruppo spontaneo di cittadini ha affidato ad una lettera (consegnata durante il consiglio comunale del 20 dicembre e accompagnata da alcuni manifesti) il proprio risentimento per la situazione furti in paese. "Una lettera da cui si evince che non si tratta più di singole doleances, come qualche amministratore distratto vorrebbe etichettare - fanno notare - ma siamo di fronte a tanti cittadini  che ci chiedono di verificare l'operato di questa nuova Amministrazione che da poco insediata, non ha ancora dimostrato progettualità e idee chiare su come gestire le emergenze del Paese. Tanti, basti pensare che in poco meno di una settimana la lettera è stata sottoscritta da 300 malnatesi".

Il sondaggio Lega si farà

Visto il mancato accordo con la maggioranza, la Lega è quindi decisa a organizzare da sè il sondaggio proposto in consiglio comunale. "Utilizzeremo le pagine a nostra disposizione sul Malnate Ponte - spiega Cassina - Ringraziamo tutto il personale dedicato alla sicurezza per l'apporto e l'impegno straordinario, un plauso a loro per il lavoro eccezionale svolto in questo periodo.  Chiediamo però all' Amministrazione a loro sì maggiore sforzo, nuove idee e nuove iniziative in tema di sicurezza".