Menu
Cerca
Mozione

Lo stage non è un lavoro: il Pd chiede all’Amministrazione di dare il buon esempio

"Facciamo di Legnano un caso esemplare nella lotta alla precarietà del lavoro giovanile e per la sua valorizzazione".

Lo stage non è un lavoro: il Pd chiede all’Amministrazione di dare il buon esempio
Politica Legnano e Altomilanese, 23 Marzo 2021 ore 10:57

Lo stage non è un lavoro è il nome di una campagna sviluppata dal gruppo Lo stagista frust(r)ato e dai Giovani democratici Milano, che il Pd di Legnano chiede all’Amministrazione comunale di sostenere non solo formalmente.

Lo stage non è un lavoro, il Pd sollecita l’Amministrazione a sostenere la campagna contro lo sfruttamento dei giovani

E’ questo lo spirito della mozione depositata nei giorni scorsi dal gruppo consiliare dem. “Lo stage non è un lavoro ma è spesso usato per sfruttare giovani a basso costo e senza tutele lasciandoli precari e senza futuro – spiega il Pd legnanese – L’entrata nel mondo lavoro non deve essere per forza un calvario di anni senza stabilità e senza diritti, per questo motivo nei giorni scorsi abbiamo depositato una mozione a sostegno della campagna ‘Lo stage non è lavoro’ sviluppata dal gruppo Lo stagista frust(r)ato e dai Giovani democratici Milano. L’iniziativa è volta ad accendere i riflettori su un’enorme sacca di sfruttamento rappresentata dall’abuso del tirocinio extra-curriculare a scapito dell’apprendistato nella gestione dell’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. Da questo grido di protesta è nato un gruppo di lavoro che ha elaborato una proposta di riforma organica dei due rapporti di lavoro e formazione che ha ricevuto il sostegno di circa 40.000 firme raccolte attraverso una petizione creata per l’occasione (https://www.change.org/nostagesìdiritti). L’iniziativa ha già suscitato l’interesse di alcuni parlamentari, tra i quali l’onorevole Chiara Gribaudo che di recente ha depositato insieme agli onorevoli Valentina Barzotti, Massimo Ungaro e Guglielmo Epifani una proposta di legge concernente la disciplina del contratto di apprendistato basandosi proprio sulla proposta di riforma sopracitata”.

“Facciamo di Legnano un caso esemplare nella lotta alla precarietà del lavoro giovanile e per la sua valorizzazione”

“Con questa mozione chiediamo all’Amministrazione di sostenere in ogni sede politica e amministrativa l’iniziativa, che ha raccolto un ampio consenso in maniera trasversale, coinvolgendo molte forze politiche a livello nazionale (Partito democratico, Italia viva, del Movimento 5 stelle, Liberi e uguali) e regionale, con l’approvazione dell’ordine del giorno del 17 dicembre 2020 avente a oggetto ‘Contratti apprendistato e tirocini extracurriculari’. Ma l’impegno che si richiede all’Amministrazione non si limita a un formale supporto di questa proposta! Chiediamo al Comune di Legnano di recepire lo spirito della stessa all’interno dell’attività della macchina amministrativa, favorendo l’utilizzo del contratto di apprendistato nelle società partecipate dal Comune, limitando nell’ambito del lavoro degli uffici comunali l’utilizzo del tirocinio ai soli studenti e verificando la possibilità di riconoscere a questi ultimi un’indennità. Inoltre, invitiamo l’amministrazione ad efficientare i servizi a sostegno dei giovani che si affacciano al mondo del lavoro come, ad esempio, lo sportello Informagiovani. Riteniamo questa mozione un’importante azione politica e amministrativa, in grado di aumentare il già enorme sostegno raccolto dalla petizione e al contempo renda Legnano un caso esemplare nella lotta alla precarietà del lavoro giovanile e per la sua valorizzazione”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli