Politica
rho e coronavirus

La Lega in campo per riformare la giustizia

L’obiettivo sarà di arrivare a 500mila sottoscrizioni su tutto il territorio nazionale per convocare dei referendum abrogativi.

La Lega in campo per riformare la giustizia
Politica Rhodense, 30 Giugno 2021 ore 10:33

La Lega in campo anche a Rho per riformare la giustizia

La Lega in campo per riformare la giustizia

Inizia la campagna referendaria sui 6 quesiti proposti dalla Lega Salvini Premier e dal Partito Radicale. La sezione rhodense del Carroccio inizierà a raccogliere le firme da questo sabato, 3 luglio,  al suo gazebo. L’obiettivo sarà di arrivare a 500mila sottoscrizioni su tutto il territorio nazionale per convocare dei referendum abrogativi.

Il commento di Giudici

"Anche Rho farà la sua parte in questa grande campagna – dichiara Stefano Giussani segretario della Lega e capogruppo in Consiglio comunale - Invitiamo tutti i rhodensi che hanno a cuore la giustizia a passare dal nostro gazebo o a recarsi in municipio, dove li attenderanno i moduli per sottoscrivere i quesiti referendari. La nostra sezione sarà promotrice adi incontri per spiegare attentamente i temi della campagna referendaria, che proseguirà insieme al nostro impegno con i cittadini per le elezioni amministrative del prossimo ottobre.

Le parole di Cecchetti

"La battaglia che porteremo avanti nei prossimi mesi sarà cruciale per il futuro del nostro Paese – dichiara Fabrizio Cecchetti, deputato Lega – Vogliamo ripartire dalla giustizia perché siamo stufi di errori impuniti della magistratura, ma soprattutto del sistema di correnti e corruzione scoperchiato dopo lo scandalo Palamara. Milioni di cittadini italiani non vedono l’ora di firmare i 6 quesiti di buonsenso lanciati da Salvini, che vanno dalla riforma del CSM, passando per la responsabilità diretta dei magistrati e l’equa valutazione dei giudici, dalla separazione delle carriere, al limite agli abusi di custodia cautelare, fino all’abolizione della Legge Severino. L’Italia riparte con la Lega anche dalla giustizia!"

Seguici sui nostri canali