Il Comitato di Vigilanza e Controllo di Alfa Srl vuole chiarimenti

La guida della società partecipata è stata affidata al vicepresidente Bova. Dimissioni per Pedroni. Tolte le deleghe all’Ad Bratta.

Il Comitato di Vigilanza e Controllo di Alfa Srl vuole chiarimenti
Politica Saronno, 17 Maggio 2019 ore 13:09

Primi effetti sulla partecipata dell'acqua in provincia di Varese Alfa srl dopo l'inchiesta per tangenti e corruzione che ha coinvolto il coordinatore di Forza Italia Nino Caianiello. I componenti del Comitato di Vigilanza e Controllo di Alfa Srl chiedono chiarimenti sulla situazione e lo stato della società.

LEGGI ANCHE: Inchiesta tangenti, Pedroni si dimette, tolte le deleghe all’Ad Bratta

Il Comitato di Vigilanza e Controllo di Alfa Srl vuole chiarimenti

"I componenti del Comitato di Vigilanza e Controllo di Alfa Srl, Gianmario Bernasconi, Vittorio LandoniVincenzo Orlandino ritengono di assoluta necessità conoscere la situazione e lo stato della società Alfa Srl, gestore del sistema idrico integrato, in seguito alle notizie apparse sulla stampa negli ultimi giorni. I recenti accadimenti hanno portato ad una serie di conseguenze di forte impatto che ci impongono, come rappresentanti dei Comuni Soci nel Ci.Vi.Co, di interpellare i referenti di Alfa affinché vengano forniti gli opportuni chiarimenti su quanto sta accadendo in Alfa Srl e gli impatti che questi accadimenti possano avere sulla gestione del servizio idrico integrato e sul percorso di aggregazione in una gestione unitaria di tutto il sistema idrico integrato della Provincia , così che il Ci.Vi.Co. possa assumere le necessarie determinazioni di competenza. Per quanto sopra scritto abbiamo immediatamente inviato una lettera all’attenzione del Presidente del Ci.Vi.Co , per chiedere una urgente convocazione del Comitato di Vigilanza e Controllo. Il Ci.Vi.Co è stato convocato per Martedì 21 Maggio".