Menu
Cerca

Feriti da caccia, on. Brambilla: "Governo e Regioni non restino a guardare"

"A costo di sembrare insistenti, continuiamo a chiedere alle autorità competenti quantomeno la sospensione della caccia la domenica".

Feriti da caccia, on. Brambilla: "Governo e Regioni non restino a guardare"
Politica 15 Ottobre 2018 ore 16:34

Feriti da caccia, on. Brambilla” Governo e Regioni non restino a guardare”.

Feriti da caccia

Tre persone ferite, di cui una gravemente, in un solo giorno, ieri domenica 15 ottobre, e un cane di proprietà, ucciso nello spazio aperto di un cantiere il 10 ottobre scorso. Sono, in ordine di tempo, le ultime vittime “collaterali” della pratica venatoria nel nostro paese di cui parlano i media, dopo il colpo che è stato fatale, domenica 30 settembre, nell’imperiese, al giovane Nathan Lebolani“.

Sospendere la caccia la domenica

“A costo di sembrare insistenti, perché in effetti l’indignazione ci rende tali, continuiamo a chiedere alle autorità competenti quantomeno la sospensione della caccia la domenica, il raddoppio delle distanze di sicurezza e procedure aggravate, ivi compresi adeguati controlli medici, per la concessione delle licenze per il porto d’armi a uso sportivo e venatorio”. Così l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente del Movimento animalista, commentando gli incidenti di caccia di ieri. “Governo e Regioni – sottolinea – non restino a guardare”.

LEGGI ANCHE:

Tragico bilancio per la caccia nel fine settimana: due persone in gravi condizioni 

Cacciatore uccide ragazzo scambiato per un cinghiale