Menu
Cerca

Droga al Parco delle Groane, Lega a Lamorgese: “Più forze dell'ordine”

Droga, il Parco delle Groane di Garbagnate è la “nuova Rogoredo”. Cecchetti e Boniardi (Lega) chiedono al ministro Lamorgese più forze dell'ordine

Droga al Parco delle Groane, Lega a  Lamorgese: “Più forze dell'ordine”
Politica Rhodense, 22 Ottobre 2019 ore 18:22

Droga, il Parco delle Groane di Garbagnate è la “nuova Rogoredo”. Cecchetti e Boniardi (Lega) chiedono al ministro Lamorgese più forze dell'ordine.

Spaccio al Parco delle Groane, Lega al Ministro Lamorgese: “Più forze dell'ordine”

Nuova operazione antidroga da parte dei carabinieri di Garbagnate e Rho nell'area del Parco delle Groane, l'ultima di una lunga serie. Per quella che è ormai stata ribattezzata la “nuova Rogoredo”, i due deputati della Lega Fabio Massimo Boniardi e Fabrizio Cecchetti hanno ora presentato una interrogazione al ministro dell'Interno Luciana Lamorgese per “incrementare i presidi delle forze dell’ordine in una vasta area della nostra Regione dove la criminalità sta cercando di mettere radici profonde”.

Così il comunicato dei due esponenti del Carroccio: “Siamo grati alle Compagnie dei Carabinieri di Garbagnate e di Rho per la brillante operazione antidroga eseguita al Parco delle Groane di Garbagnate, l'ultima di una lunga serie. Le dimensioni e la gravità della situazione in quella zona sono drammatiche. Cittadini e famiglie sono esasperati. Investono un territorio molto vasto, coinvolgendo numerose risorse delle amministrazioni locali. Tutte le forze dell'ordine stanno compiendo un lavoro straordinario, ma è chiaro che occorrono misure su vasta scala, concrete, urgenti, coordinate e adeguate per contrastare come si deve un'emergenza di queste dimensioni che riguarda più province” “

Per questo – proseguono Cecchetti e Boniardi - abbiamo presentato un'interrogazione al Ministro dell'Interno affinché intervenga tempestivamente per il ripristino della legalità in una zona che non a caso è stata ormai ribattezzata come la 'nuova Rogoredo' e per incrementare i presidi delle forze dell’ordine in una vasta area della nostra Regione dove la criminalità sta cercando di mettere radici profonde. Noi vogliamo e pretendiamo di estirparle, ma serve la presenza costante e quotidiana dello Stato e delle istituzioni". TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE