Menu
Cerca

Crisi di maggioranza, Cuggiono Democratica: "A che gioco stiamo giocando?"

Il gruppo di opposizione Cuggiono Democratica prende parola sulla crisi di maggioranza che ormai sta logorando il paese da tempo.

Crisi di maggioranza, Cuggiono Democratica: "A che gioco stiamo giocando?"
Politica Legnano e Altomilanese, 23 Ottobre 2019 ore 19:20

Crisi di maggioranza a Cuggiono, ancora senza soluzione la crisi politica che ha colpto il paese ormai da mesi.

Crisi di maggioranza: la critica di Cuggiono Democratica

"A che gioco stiamo giocando?" chiedono i rappresentanti del gruppo di opposizione Cuggiono Democratica all'intera maggioranza che non sta amministrando il paese. "I lavori sospesi da aprile in largo Borghi - scrivono in una nota - le strade comunali di sera sempre più buie, piano diritto allo studio che a fine ottobre non si sa quando verrà approvato. E cosa stanno facendo la signora sindaco e la maggioranza intera? Litigano, anzi trattano, con il risultato che l'azione amministrativa rimane bloccata".

"Non vogliamo essere parte di questa imbarazzante contesa"

Poi continuano: "Sappiamo che sono in corso trattative tra il Commissario della Lega Curzio Trezzani e il gruppo civico Prima Cuggiono e Castelletto per negoziare la riammissione in giunta del consigliere Christian Vener e un rimpasto complessivo della giunta stessa (e noi che pensavamo che i vecchi metodi della politica fossero terminat!)". Ricordiamo che il sindaco Maria Teresa Perletti aveva già revocato le deleghe di assessore e la nomina di vicesindaco a Vener per dissensi nelle scelte amministrative e il venir meno del rapporto di fiducia. "Al di là del nostro giudizio su tale circostanza - prosegue la nota - non vogliamo che la nostra proposta di sottoscrizione della mozione di sfiducia al sindaco, proposta fatta pubblicamente, sia utilizzata quale arma di ricatto per continuare questo squallido gioco di potere e rivalsa di una parte di maggioranza sull'altra. Non vogliamo essere parte di questa imbarazzante contesa che si sta giocando sulla pelle dei cittadini di Cuggiono e Castelletto".

LEGGI ANCHE: Cuggiono, Soldadino si dimette da assessore