Cerro Maggiore, il sindaco Rossetti replica a Frau

Cerro Maggiore, il sindaco Rossetti replica a Frau
13 Marzo 2017 ore 15:11

CERRO MAGGIORE – “Qual è la base delle sue accuse?”. A chiederlo a Ivo Frau, il consigliere comunale delegato allo Sport che ha rimesso la propria delega in seguito al terremoto politico che ha investito la giunta cittadina, è il sindaco Teresina Rossetti. 
“Egregio ingegner Frau, ho letto la Sua lettera inviata alle varie testate giornalistiche e devo dire che non mi ha sconvolto: l’avevo già annoverata fra le defezioni essendo chiaramente posizionato in una certa linea politica. A dire il vero è dalla scorsa settimana che mi stavo chiedendo se si fosse accorto o no di avere una ‘carica’ pendente sulla testa ed ero effettivamente stupita di non ricevere Sue comunicazioni. 
Vorrei per prima cosa sottolineare che non sono io a prendere in giro i cittadini riportando solo le mie ‘opinioni’ bensì penso siano le Sue affermazioni a farlo. Lei sta cercando di spostare l’attenzione su altri punti per difendere sappiamo bene chi e cosa. Lei, ing. Frau, essendo solo consigliere, non ha mai presenziato alle giunte quindi non può né dare giudizi né affermare che quanto sostengo siano solo ‘opinioni’.
Io avrei fatto tutto da sola? Mi chiedo in quale veste mi stia accusando di non lasciare spazio. In veste di consigliere delegato? In questo caso suggerisco a Lei e all’avvocato Francesco Spataro (da Lei menzionato) di leggere attentamente quali sono le competenze di un consigliere delegato, che non ha la facoltà di prendere decisioni in proprio ma è di supporto al proprio assessore che decide e firma. Inoltre Lei si contraddice quando afferma di aver portato avanti, da solo, il lavoro con la commissione sport. Allora, mi chiedo, qual è la verità? Se veramente me la fossi suonata e cantata per conto mio, non pensa che avrei avuto problemi anche con gli altri miei assessori? Ho perso la mia maggioranza: ma quale? Ho perso la componente pd della mia maggioranza, di cui mi risulta facesse parte anche l’avvocato Emanuele Banfi
E quali regole non avrei seguito? Forse quelle di “COMPORTAMENTO CHE IL SINDACO DEVE SEGUIRE IN MODO PARTICOLARE NEI CONFRONTI DEL VICE SINDACO” presentatemi dal Pd e che io ho avuto la sfacciataggine di non condividere? (erano però contemplate pochissime regole di comportamento del vice sindaco nei confronti del sindaco). 
Lei, ing. Frau, dichiara di aver lavorato in silenzio nelle uniche commissioni convocate: non metto in dubbio che si sia interessato per creare un regolamento per il corretto utilizzo degli impianti sportivi comunali, ma, mi scusi, forse non ho colto qualche aspetto, non ho visto grosse azioni per ‘tenere assieme il tessuto associativo’ (io non direi proprio associativo, magari parlerei solo di sportivo) e nemmeno molte proposte per trovare soluzioni riguardo alle strutture sportive. 
Altra inesattezza: le poltrone lasciate libere sono due, non quattro, perché le posizioni di consigliere delegato non sono poltrone, in quanto la persona che ricopre l’incarico non gode di autonomia. A chi le avrei offerte quindi? Anche in questo caso, prima di fare delle affermazioni, dovrebbe assicurarsi che le informazioni in Suo possesso siano corrette. 
Termino con una raccomandazione. Presti attenzione a quello che scrive (o sottoscrive) in quanto: ritengo gravi ed infondate le accuse che lei mi rivolge asserendo che io abbia incontrato quasi in segreto dei privati per la gestione dei campi sportivi e che abbia poi negato questa circostanza. Lei sta cercando di creare sospetti dove non ce ne sono; Lei si assumerà la responsabilità delle Sue dichiarazioni, così come si prenderà la responsabilità delle illazioni sulla piscina, in merito alla quale, oltretutto, il Comune non può intervenire in quanto gestita esternamente. Le relative problematiche, purtroppo per Lei, non sono nemmeno di competenza del settore sport o mio, essendo di tutt’altra natura che sportive; i contributi alle associazioni non sono mai stati distribuiti a mia discrezione. C’è un regolamento, c’è una griglia che assegna ad ogni associazione che ne fa richiesta un punteggio, basato su parametri dettati dal regolamento stesso ed in base al quale vengono stabilite le quote; la gestione dei campi e delle palestre è stata assegnata con regolare bando (e io non facevo parte di nessuna commissione aggiudicante).
QUINDI, QUAL È LA BASE DELLE SUE ACCUSE?
Egregio ing. Frau La invito a prestare attenzione nel formulare accuse senza prove e senza fondamento: potrebbe essere chiamato a darne spiegazione in altri luoghi. 
Tanto per chiarezza…”.
Teresina Rossetti


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia