Politica

Cerro, bocciato il bilancio e si dimettono 9 consiglieri: cade la giunta, arriva il commissario

Cerro, bocciato il bilancio e si dimettono 9 consiglieri: cade la giunta, arriva il commissario
Politica 11 Aprile 2017 ore 20:37

CERRO MAGGIORE - La Giunta guidata dal sindaco Teresina Rossetti non esiste più. Così come l'intero Consiglio comunale.
Nel corso della seduta di Consiglio di oggi, martedì 11 aprile, è stato bocciato il bilancio di previsione 2017 (voto contrario di tutte le opposizioni così come dei 4 dissidenti della maggioranza ossia Antonio Lazzati, Calogero Mantellina, Giuseppe D'Anna e Simona Dell'Acqua e dell'ex assessore al Bilancio Emanuela Banfi, dell'ex vice sindaco Piera Landoni e degli ex consigliere delegati Francesco Spataro e Ivo Frau).
Stando così le cose, il Prefetto avrebbe dato alla giunta altri 20 giorni nei quali riprovare a far approvare il bilancio. Ma Spataro ha lanciato una proposta: dimissioni di massa di 9 consiglieri comunali.
E così è stato: si sono dimessi Frau, Gabriele dalla Maria (Noi con Dalla Maria), Landoni, Livio Zapparoli (Movimentok 5 Stelle), Banfi, Mantellina, Spataro, Thomas Morlacchi e Marina Lazzati (questi ultimi due della Lega Nord). Non hanno firmato Antonio Lazzati, Giuseppe D'Anna e Simona Dell'Acqua.
Con le dimissioni di 9 consiglieri, giunta e Consiglio comunale sono stati sciolti.
A breve arriverà in paese il Commissario prefettizio.
Ampio servizio su Settegiorni in edicola venerdì 14 aprile

 

 

non passa la prova del bilancio e si profila la nomina del commissario prefettizio. Nel corso della seduta chiave di questa sera, martedì 11 aprile, il documento di previsione finanziaria dell'ente è stato bocciato dal Consiglio comunale: hanno votato contro i dissidenti, Francesco Spataro, i grillini, la Lega Nord, Gabriele Dalla Maria, Ivo Frau, Emanuela Banfi, Piera Landoni. Si aggrava quindi la crisi in cui l'Amministrazione cerrese versa da settimane. Se il bilancio non troverà i voti necessari per l'approvazione, passerà tutto nelle mani del prefetto.