Politica

Castano Primo, ecco la nuova Giunta Pignatiello- LE FOTO

Durante il primo Consiglio comunale del secondo mandato di Pignatiello a Castano Primo sono stati nominati i nuovi assessori: chi sono e le parole dei capigruppo.

Castano Primo, ecco la nuova Giunta Pignatiello- LE FOTO
Politica Legnano e Altomilanese, 15 Giugno 2019 ore 12:49

Castano Primo, è andato in scena ieri sera - venerdì 14 giugno 2019 - il primo Consiglio comunale del secondo mandato di Giuseppe Pignatiello. (Nella foto di copertina da sinistra: Andrea Osellame, Carola Bonalli, Giuseppe Pignatiello, Alessandro Landini, Isa Lodi e Luca Fusetti)

Castano Primo: gli assessori

E' Carola Bonalli il nuovo vicesindaco dell'Amministrazione Pignatiello. A lei le deleghe allo Sport, Tempo libero e Personale. Assessore all'Istruzione, Cultura, Commercio, Turismo e Innovazione tecnologica invece Luca Fusetti. Diventa assessore anche Andrea Osellame, che prende le deleghe alla Sicurezza, Protezione civile, Illeciti ecologici e Lavori pubblici. New entry la pediatra Isa Lodi che è stata nominata assessore al Sociale e ai Servizi demografici. Il più giovane è Alessandro Landini, 23 anni, che dovrà occuparsi di argomenti fondamentali per l'attività amministrativa: è lui infatti l'assessore al Bilancio, all'Ambiente e alle Politiche giovanili. In capo al sindaco resterà invece l'Urbanistica. Capogruppo di maggioranza (Insieme per Castano) sarà Ilaria Crespi: "Il nostro dialogo - ha ricordato - sarà sempre costruttivo perché siamo stati nominati portavoce dei cittadini castanesi". Per il Patto del Cambiamento Morena Ferrario e per il Comitato per Castano Albero Moiraghi.

Castano Primo, la maggioranza e la Giunta di Pignatiello

Le prime parole del sindaco

Questo il primo discorso di Giuseppe Pignatiello prima del giuramento: "Volevo porgere un ringraziamento a tutti i consiglieri comunali del precedente mandato che dal 2014 al 2019 hanno impiegato il loro tempo attivamente nell'amministrare Castano Primo. Permettemi di ringraziare di cuore anche chi non siede in consiglio comunale, ma che ha dato e da tantissimo a questa città. È anche grazie a loro se questa città è un posto migliore. Ringrazio anche tutta i membri della squadra di Insieme per Castano per il loro splendido supporto. Anche a chi non siede in Consiglio, auguro di continuare nel suo impegno per la nostra Città, e un augurio sincero a tutto il Consiglio comunale, affinché insieme si possa lavorare nel solo interesse di Castano e di tutti i Castanesi.

In questi ultimi cinque anni, ho avuto il privilegio di rappresentare Castano Primo, ed è stata una delle esperienze migliori della mia vita: oggi, con ancor più emozione e consapevolezza, mi ritengo onorato di poter indossare la nostra fascia tricolore e di essere ancora il rappresentante di tutti i cittadini Castanesi. Porteremo a termine ciò che abbiamo iniziato, e lavoreremo ancora, e ancora, per creare una Città a misura di tutti, senza barriere di ogni sorta, affinché tutti abbiano gli stessi diritti, le stesse regole e le stesse possibilità. Perché nessuno merita di essere escluso, nessuno merita di restare indietro, nessuno merita di sentirsi isolato".

"Collaborazione con le opposizioni"

Continua poi Pignatiello: "Il 27 maggio siamo stati chiamati tutti noi qui presenti dai Castanesi a svolgere un dovere, qui in Consiglio Comunale, con lealtà, rispetto del nostro ruolo e senso di giustizia: siamo stati chiamati a rappresentarli, ed è giusto che la città possa sempre essere orgogliosa di noi. Da parte nostra, offriamo e mettiamo a disposizione la massima apertura e collaborazione possibile alle minoranze consiliari, nell'assoluto rispetto reciproco dei ruoli di tutti, e non soltanto a parole come solitamente accade in politica, ma coinvolgendole attivamente nell'amministrare Castano. Con l'augurio, l'auspicio e la speranza che il rispetto reciproco venga sempre coltivato e difeso, da tutti, per tutti. Da parte mia, assicuro che il rispetto non mancherà mai".

Castano Primo, giuramento di Pignatiello sindaco

La parola Ferrario

A prendere parola poi la capogruppo del Patto del Cambiamento, Ferrario: "Un ringraziamento va agli elettori che ci hanno consentito di sederci qui in Consiglio, così come ringrazio i miei predecessori. Il nostro spirito sarà di collaborazione, costruttivo, ma senza dimenticarci il nostro ruolo di opposizione. Vigileremo sui passi della maggioranza e porteremo avanti le istanze di coloro che ci hanno votato. Il rispetto e il dialogo saranno i caratteri distintivi del nostro gruppo". (Nella foto da sinistra: Silvia Colombo, Daniele Rivolta, Morena Ferrario e Roberto Colombo)

Castano Primo, Il Patto del Cambiamento

Il discorso di Moiraghi

Poi è la volta del capogruppo del Comitato per Castano, Moiraghi (nella foto a fine capitolo), che ringrazia gli elettori, in particolare quelli della sua lista. "Essere presenti in Consiglio - dichiara poi - è un fatto che ci onora e ci carica di responsabilità, perché crediamo che il Consiglio sia e debba essere il luogo di massima espressione della democrazia e del dibattito politico. La nostra lista civica si è proposta di provare a costruire un nuovo modo di amministrare la Città e guidare la comunità. Proprio in ossequio a questo proposito, il Comitato per Castano dentro e fuori da questa assemblea, garantirà all'Amministrazione un apporto collaborativo e costruttivo, senza mai derogare però al compito di vigilanza e controllo, nel rispetto del ruolo di opposizione assegnatoci dai cittadini.

Il Comitati per Castano è e rimane un 'cantiere aperto' a chiunque creda nell'esigenza di una politica diversa.

Prima di chiudere ci sia consentito toccare un altro tema: chi ha seguito i lavori consiliari e il dibattito politico in questi ultimi 5 anni, sa quanto, come Comitato per Castano siamo stati critici sulle modalità con le quali è stato portato avanti il confronto dialettico tra le varie forze politiche. Abbiamo più volte segnalato il nostro disagio e più volte abbiamo preferito tacere piuttosto che partecipare a scambi di opinione rissosi, strumentali, intrisi di pregiudizio che certo non hanno arricchito di contenuti il dibattio pubblico e che spesso hanno fatto fare una brutta figura a tutta la Città. Il nostro contributo sarà quindi fortemete indirizzato a costruire un nuovo contesto, una nuova 'atmosfera' di reciproco e pieno rispetto dei ruoli ma prima ancora delle persone e delle Istituzioni".

Castano Primo, Moiraghi per Comitato per Castano

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter