Politica

Botti di Capodanno, il Prefetto: “Revocare le ordinanze, sono irregolari”

Botti di Capodanno, il Prefetto di Milano sollecita i Comuni che hanno emesso le ordinanze a revocarle: sono illegittime. Ecco perchè

Botti di Capodanno, il Prefetto: “Revocare le ordinanze, sono irregolari”
Politica 30 Dicembre 2017 ore 16:54

Botti di Capodanno, il Prefetto di Milano sollecita i Comuni che hanno emesso le ordinanze a revocarle: sono illegittime. Ecco perchè

Botti di Capodanno, il Prefetto: “Revocare le ordinanze, sono irregolari”

La Prefettura di Milano sta sollecitando tutti i Comuni che negli scorsi giorni avevano emesso ordinanze “anti botti di Capodanno” a revocare i provvedimenti. La decisione del Prefetto Luciana Lamorgese era nell'aria, dopo che una circolare del 20 dicembre aveva allertato i primi cittadini sui rischi cui andavano incontro emanando tali ordinanze, che prevedono sanzioni per chi utilizza fuochi d'artificio, petardi e altri esplodenti nel periodo delle feste e a Capodanno in particolare, spaventando e mettendo potenzialmente in pericolo bambini, anziani e amici a quattro zampe.

Non è materia di competenza dei sindaci

Quale il problema? Il Prefetto ha spiegato che le eventuali sanzioni potrebbero essere facilmente impugnate esponendo le amministrazioni comunali a "eventuali profili di responsabilità in sede giurisdizionale". La materia dei "giochi pirici" è infatti regolamentata da normative europee e poi nazionali. Nè si tratta di materia "contingibile e urgente". Se è vero che è punibile chi disturba la quiete pubblica o mette in pericolo bambini e anziani, per intervenire dovrebbero essere considerati bastanti i regolamenti di polizia urbana di cui normalmente sono già provvisti i Comuni.

Effetto boomerang? Meglio appellarsi al buon senso...

E così, le ordinanze rischiano di essere potenzialmente un boomerang per le Amministrazioni, alle quali resta così solo lo strumento della sensibilizzazione della cittadinanza ad un uso moderato dei “botti”

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter