Politica

Biglietti Atm a 2 euro dal 2019, Milano e Regione litigano

Biglietti Atm a 2 euro a partire dal 2019, il sindaco di Milano chiede a Regione di fare di più per scongiurare il rincaro. L'assessore Garavaglia: “Bussa alla porta sbagliata...”

Biglietti Atm a 2 euro dal 2019, Milano e Regione litigano
Politica 30 Dicembre 2017 ore 18:00

Biglietti Atm a 2 euro a partire dal 2019, il sindaco di Milano chiede a Regione di fare di più per scongiurare il rincaro. L'assessore Garavaglia: “Bussa alla porta sbagliata...”

Biglietti Atm a 2 euro dal 2019, il sindaco di Milano: “Ma se Regione collaborasse...”

Biglietti Atm a 2 euro a partire dal 2019. Fa discutere la scelta intrapresa dal Comune di Milano alle prese con le difficoltà a far quadrare il prossimo bilancio di previsione triennale. Il sindaco Beppe Sala, presentando il provvedimento, ha chiamato in causa Regione Lombardia: "Il trasporto pubblico di Milano costa 826 milioni l'anno, di questi 390 milioni vengono coperti da biglietti e abbonamenti. Il resto dovrebbe essere coperto dai contributi che il governo eroga attraverso la Regione, ma la Lombardia non è riuscita in questi anni a farsi riconoscere dal governo il dovuto". In piena bagarre elettorale per il governo di Regione Lombardia, Sala ha aggiunto: “Ma abbiamo un anno di tempo per trovare un'alternativa a questo aumento, se la Regione collaborerà”.

La replica dell'assessore Garavaglia: “Nessuno investe come noi, ha suonato al campanello sbagliato...”

Dichiarazioni che hanno portato alla reazione dell'assessore regionale all'Economia Massimo Garavaglia: “In merito alle dichiarazioni del sindaco Sala, che dice che vuole aumentare i biglietti del metro a 2 euro a meno che la Regione non ci metta la differenza, facciamo presente che la Lombardia riceve dallo Stato, per il Trasporto pubblico locale -Tpl, poco più di 800 milioni di euro, ma investe per questo servizio oltre un miliardo e 200 milioni di euro: cioè incrementa di circa il 50 per cento con risorse proprie, l'Addizionale Irpef regionale, gli scarsi fondi nazionali". Garavaglia ha aggiunto: “Sono poche le Regioni che incrementano i fondi nazionali per il Tpl e nessuna lo fa in
ogni caso in misura cosi' importante. E' evidente che, senza l'incremento della Regione, il biglietto del metro sarebbe già tanto sopra i 2 euro da anni". Quindi, la stoccata finale: "Sarebbe troppo facile rispondere al sindaco Sala di fare altrettanto, e quindi incrementare a sua volta i fondi che gli gira la Regione, comprensivi di una grossa fetta di addizionale Irpef, pagata da tutti i cittadini lombardi, anche da quelli che abitano in Valtellina. Gli chiediamo invece come mai il Governo sostenuto dal suo partito non aggiorna i costi standard con cui viene ripartito il fondo nazionale. Infatti, se questo Governo e il precedente avessero aggiornato i dati relativi ai chilometri e ai passeggeri fermi da una decina di anni, con cui si fa il riparto, alla Lombardia verrebbero 400 milioni di euro in più. Beppe Sala suona quindi al campanello sbagliato”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter