Per i generi di prima necessità

Aiuti per le famiglie in difficoltà: Legnano stanzia 330mila euro

"Avevamo promesso di 'strizzare' il bilancio per aiutare i nostri cittadini in questa crisi e con questo atto abbiamo iniziato, utilizzando anche fondi accantonati dall'attenta gestione commissariale".

Aiuti per le famiglie in difficoltà: Legnano stanzia 330mila euro
Legnano e Altomilanese, 09 Novembre 2020 ore 09:34

Aiuti per le famiglie in difficoltà: dal Comune di Legnano arrivano 330mila euro.

Aiuti per i legnanesi in difficoltà: stanziati 330mila euro

Venerdì 6 novembre 2020, mentre in Lombardia è scattato il secondo lockdown, la Giunta di Legnano ha approvato una delibera con la quale stanzia i primi interventi di sostegno alle famiglie per superare l’emergenza Covid. “Avevamo promesso di ‘strizzare’ il bilancio per aiutare i nostri cittadini in questa crisi e con questo atto abbiamo iniziato, utilizzando anche fondi accantonati dalla attenta gestione commissariale – spiega il sindaco Lorenzo Radice – Sono 330mila euro che andranno alle famiglie e, speriamo, a tanti negozi di vicinato. È un primo risultato per il quale devo dire grazie alla vicesindaco Anna Pavan, per la determinazione e l’impegno costanti di questi giorni, a tutta la giunta per la compattezza e il lavoro frenetico di queste giornate d’emergenza, e al personale del Comune per aver recepito le nostre indicazioni in fretta”.

Buoni “virtuali” spendibili anche nei negozi di quartiere e al mercato

Il denaro stanziato dal Comune servirà per permettere alle famiglie di acquistare i beni di prima necessità. La distribuzione avverrà attraverso la piattaforma telematica bonuspesa.it, messa a disposizione dall’Anci (l’Associazione nazionale Comuni italiani) per la gestione e la distribuzione dei buoni spesa a favore delle famiglie bisognose come previsto dal Dpcm Soccorso alimentare emanato dal Governo nell’ambito delle “misure straordinarie e urgenti per fronteggiare l’emergenza alimentare”, senza utilizzo di supporti cartacei e attrezzature e senza commissioni sul transato. Al cittadino beneficiario basterà un cellulare con il quale riceverà dal Comune di appartenenza un sms con l’indicazione dell’importo riconosciuto e un codice pin per il suo utilizzo negli esercizi commerciali (non solo supermercati, ma anche negozi di vicinato e ambulanti che avranno aderito all’iniziativa), ai quali a loro volta basterà utilizzare una semplice applicazione sempre su smartphone per l’accettazione degli stessi, quindi il contatto diretto tra individui sarà azzerato. Il bando per la presentazione delle domande sarà emesso nei prossimi giorni.

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia