Oltre 700 accessi all'ora nel centro storico

Abbiategrasso, il “censimento delle biciclette” di Fiab

I volontari di Fiab hanno controllato gli accessi in bicicletta ad Abbiategrasso centro: 4.302 in sei ore, oltre 700 all'ora. Calo del 20% rispetto agli anni scorsi

Abbiategrasso, il “censimento delle biciclette” di Fiab
Magenta e Abbiategrasso, 12 Ottobre 2020 ore 12:49

I volontari di Fiab hanno controllato gli accessi in bicicletta ad Abbiategrasso centro: 4.302 in sei ore, oltre 700 all’ora. Calo del 20% rispetto agli anni scorsi

Abbiategrasso, il “censimento delle biciclette” di Fiab

“Censimento delle biciclette” ad Abbiategrasso: Fiab Abbiateinbici, in occasione della Settimana europea della mobilità sostenibile, ha calcolato una stima dei mezzi transitati per il centro storico: nell’arco di sei ore, dalle 7.30 alle 13.30 di martedì 29 settembre, attraverso i quattro varchi presidiati (via Mazzini, corso Italia, via Pavia e via XX settembre) sono passate 4302 biciclette. Una media dunque di 717 passaggi all’ora, pari a quasi dodici bici al minuto.

Spiega la nota di Fiab: “Rispetto alla media degli ultimi 10 anni il movimento delle persone in bicicletta è diminuito di circa il 20%, calo che si può facilmente spiegare con la incompleta ripresa dei normali ritmi del lavoro e della scuola, e la crescita rilevante del lavoro da casa in questo periodo post epidemia. Chi è stato a Milano nelle ultime settimane ha trovato una città semideserta, quasi dimezzati i pendolari sulle linee Trenord, pochissimi studenti che vanno a scuola a settimane alterne, e niente turisti. Questa situazione si osserva anche ad Abbiategrasso, dove basta un giro al mercato per rendersi conto di quanto meno numerosi del passato siano i clienti delle bancarelle perché molte persone preferiscono evitare i luoghi affollati”.

Prosegue la nota: “Tutto sommato, anche quest’anno si riconferma il gradimento degli abbiatensi per questo mezzo di trasporto, nonostante nessun provvedimento sia stato preso per favorire la mobilità in sicurezza di chi si sposta in bicicletta. Le nostre osservazioni confermano dunque una realtà stabile fatta da moltissimi cittadini che vanno a piedi e in bici, e una minoranza in auto. Per altro, il vero impatto del traffico viene sottovalutato quando semplicemente si confronta il numero di pedoni e ciclisti con quello dei veicoli, perché non si dà peso alla quantità di spazio che le auto- in sosta, in movimento o in coda- sottraggono alla collettività, mentre la bici non ingombra e restituisce spazio e vivibilità alle persone oltre che aria pulita”.

La proposta: “Isola pedonale per il centro”

Quindi, le conclusioni: “Durante il censimento numerose persone si sono rivolte ai nostri rilevatori domandando perché non si fa l’isola pedonale del centro storico, a dimostrazione che il desiderio di vivere in un ambiente più tranquillo, sicuro e meno inquinato è molto diffuso e dando sostegno alle ripetute sollecitazioni, accompagnate da segnalazioni, indagini sui flussi di traffico e idee per migliorare la vivibilità di Abbiategrasso che Fiab Abbiateinbici sta facendo all’Amministrazione Comunale, rimasta finora molto silenziosa”. TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia