Sospesi gli eventi

25 Aprile: "Distanti ma vicini con il cuore"

La Rete Antifascista dell'Alto Milanese celebrerà la Liberazione senza scendere in piazza ma senza rinunciare ai suoi valori.

25 Aprile: "Distanti ma vicini con il cuore"
Politica Legnano e Altomilanese, 13 Aprile 2020 ore 15:05

25 Aprile senza scendere in piazza "ma senza rinunciare ai nostri valori". Lo dice la Rete Antifascista dell'Alto Milanese.

25 Aprile, la piazza sarà virtuale

A causa dell'emergenza Coronavirus la Rete Antifascista dell'Alto Milanese sospende gli eventi previsti per questa primavera. "A seguito delle problematiche causate dal Covid-19 e delle conseguenti norme di restrizione per il suo contenimento ci vediamo costretti a sospendere gli eventi in programma per questo periodo: il nostro ciclo di cineforum che si sarebbe dovuto svolgere tra marzo e maggio all'Arci di Villa Cortese sarà rinviato a data da destinarsi - spiegano gli antifascisti in un comunicato - Speriamo presto di tornare alle nostre vite di tutti i giorni e a riprendere nelle piazze, nelle scuole e nei luoghi di lavoro le nostre lotte. Per il momento la lotta è una sola ovvero contro questo virus, sperando che lo capisca anche chi sta a capo delle aziende. Non possiamo però rinunciare ai nostri valori e all'antifascismo, soprattutto in questo momento in cui poco lontano da casa nostra si stanno chiedendo pieni poteri a tempo indeterminato, con la scusa di contrastare il virus. Purtroppo quest'anno il 25 aprile non potremo scendere in piazza come ogni anno né nei cortei cittadini né nella tradizionale manifestazione milanese e quindi sosteniamo l'appello dell'Anpi nazionale di cantare Bella Ciao dai nostri balconi e di esporre bandiere, striscioni e scritte in memoria dello sforzo valoroso dei nostri partigiani che ci hanno donato libertà , democrazia e la costituzione repubblicana. Inoltre chiediamo di collegarsi sulla piazza virtuale del sito www.25aprile2020.it alle 11 del 25 aprile, nel quale è pubblicato l'appello di alcune personalità e artisti a noi vicine, come Luciana Castellina e Norma Rangeri, che ci chiedono di essere uniti contro virus, cambiamenti climatici e disuguaglianze socio-economiche".

"Ognuno di noi esiste solo in quanto essere sociale"

"Vorremo quindi citare le parole di Luciana Castellina scritte su il manifesto di mercoledì 8 aprile: 'In queste settimane dopo decenni di individualismo abbiamo scoperto che ognuno di noi esiste solo in quanto essere sociale, parte di una collettività da cui interamente dipende. La politica è pubblico, cioè qualcosa che ciascuno di noi ha il dovere di gestire ed è un dato che non dobbiamo mai disperdere, perché è essenziale per capire che società vogliamo, programma che non sia solo ripristinare la società di prima, ma abbia il compito di disegnare quella che avevano nel cuore i combattenti di allora - i partigiani - e che avevano cominciato ad abbozzare nel vuoto statale, praticando la solidarietà e considerando l'essenziale bene comune'".

Un pensiero alle vittime del virus e a chi sta lottando per guarire

"Vorremmo inoltre stringerci nel dolore dei familiari di coloro che hanno perso la vita a causa di questo terribile virus e con chi ancora sta lottando per la guarigione - conclude la Rete Antifascista dell'Alto Milanese -Buon 25 Aprile distanti ma vicini con il cuore! Ora e sempre Resistenza!!!".

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE