Cultura
Si riparte

Un grande concerto per inaugurare gli organi restaurati

Il concerto al Santuario di Rho è in programma sabato 27

Un grande concerto per inaugurare gli organi  restaurati
Cultura Rhodense, 12 Novembre 2021 ore 11:47

L'appuntamento è per sabato 27 novembre alle 21 quando, con un grande concerto, saranno "inaugurati" gli organi del santuario di Rho dopo quasi un anno di silenzio per i lavori di restauro

Il concerto per inaugurare gli organi

Dopo 11 mesi di attività, concluso il restauro degli organi del santuario di Rho, il concerto inaugurale affidato al maestro Alessio Corti sarà come un battesimo dello strumento. L'appuntamento è per sabato 27 novembre alle 21, con ingresso libero fino ad esaurimento posti e Green Pass obbligatorio e  la manifestazione musicale si preannuncia particolarmente significativa. Non sarà soltanto un modo per celebrare il restauro, voluto fortemente dai Padri Oblati Missionari di Rho, sostenuto da Regione Lombardia, Comune di Rho e molti privati cittadini, ma anche l’occasione per valorizzare, attraverso la musica, uno dei più importanti luoghi di culto mariani della Lombardia.

Il cartellone della serata

Il denso e rigoroso programma del concerto, con partiture di Bach, Liszt, César Franck, Marco Enrico Bossi, Louis Vierne e Jehan Alain, per volontà di Alessio Corti ripercorrerà in chiave diacronica gli oltre 300 anni di vita dello strumento, mettendo in giusto rilievo i riti sacri mariani e i climi religiosi che esso contribuiva e contribuisce, rispettivamente, ad accompagnare e a creare.

“Il restauro degli organi diventa, in questo momento non facile della storia dell’umanità, un segno di speranza e un invito ad alzare lo sguardo”, ha rimarcato padre Patrizio Garascia, Superiore del Collegio degli Oblati Missionari di Rho.

Il varo giunge dopo mesi di intenso lavoro, svolto sotto la direzione del progettista, l’architetto Stefano Lavazza, coadiuvato dai funzionari
competenti della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Milano. Il cantiere, aperto nel novembre 2020, è stato chiuso a fine
settembre 2021. Suddiviso in due fasi distinte di attività, le molteplici azioni hanno avuto come obiettivo il restauro conservativo delle cantorie, delle casse lignee e delle componenti foniche degli organi.
Il concerto è quindi un appuntamento importante, per ammirare i pregevoli manufatti lignei settecenteschi ritrovati e per apprezzare la musica organistica interpretata con autorevolezza dal maestro Corti: professore d’Organo e Improvvisazione alla Haute École de Musique
(Musikhochschule) di Ginevra (CH), è organista titolare della chiesa di Santa Maria Segreta di Milano e direttore artistico della Fondazione Organo della Basilica milanese di San Babila.