In mostra le opere di don Pietro Giola sacerdote di Busto Garolfo

In mostra le opere di don Pietro Giola, il sacerdote-pittore residente a Busto Garolfo che non ha mai rinunciato alla sua passione per l'arte.

In mostra le opere di don Pietro Giola sacerdote di Busto Garolfo
Cultura 28 Novembre 2017 ore 12:30

In mostra le opere di don Pietro Giola, il sacerdote che risiede a Busto Garolfo, dal 3 al 10 dicembre nel salone San Carlo in piazza Lombardia.

In mostra le opere di don Pietro e il progetto "Adottiamoci" della Caritas

Lui è don Pietro Giola, sacerdote residente a Busto Garolfo che dai suoi 85 anni di età e ben 60 anni di sacerdozio ha voluto mettere in mostra i suoi lavori. Il motivo è sostenere il progetto "Adottiamoci" del Centro di Ascolto della Caritas parrocchiale. Il sacerdote ha trascorso 30 anni nei seminari, prima come insegnante di disegno e arte e poi come rettore del seminario di Masnago (Varese). Non ha mai riununciato alla sua passione per l'arte e la pittura.

Il commento del critico d'arte

Scrive il critico d'arte Giuiano Tognella: "La vivacità delle tinte piene, brillanti, dei primari ,i rossi, gli azzurri, i gialli, le delicate componenti dei colori chiari e degli scuri, ricordano le diverse intonazioni della voce di don Pietro. Quando racconta e considera gli eventi, le idee, la vita, le sue parole diventano immediatamente immagini colorate. La felicità della comunicazione verbale la ritroviamo nei suoi dipinti, nei suoi paesaggi, nelle figure, nelle composizioni di frutta e fiori. Come le parole si fanno immagini, così le immagini diventano ricordi e parole. E tutto questo semplicemente attraverso il colore. Questa ricercata trasparenza credo sia il pregio maggiore della sua pittura".

Gli orari di apertura della mostra

La ostra è visitabile dal 3 al 10 dicembre al salone San Carlo di piazza Lombardia. Ecco gli orari: domenica 3 dicembre dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. Venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 dicembre dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. L'inaugurazione sarà domenica 3 dicembre alle 10.30. Ingresso libero.