Menu
Cerca

Amici dell'Infanzia donano sorrisi ai piccoli guerrieri ricoverati

L’associazione di Cislago tornerà con i Supereroi nel reparto Pediatrico di Monza per regalare giochi ai bimbi ricoverati.

Amici dell'Infanzia donano sorrisi ai piccoli guerrieri ricoverati
Cultura Saronno, 20 Ottobre 2019 ore 01:08

 

 

Gli amici dell’infanzia raccolgono giochi da donare a novembre ai bimbi ricoverati del San Gerardo.

I supereroi degli Amici dell’Infanzia tra le corsie del S.Gerardo

 

“A marzo prendemmo un impegno importante e salutando i bambini, i genitori, i volontari Abio e le referenti del centro Maria Letizia verga dell’Ospedale San Gerardo di Monza, promettemmo che saremmo tornati presto”.
Ed è per questo che lunedì 11 novembre, la carica dei Supereroi degli Amici dell’Infanzia tornerà in quegli spazi dove si respira la vita, dove le emozioni si colorano dei valori più importanti, degli affetti e dell’amore.

 

Donano giochi e sorrisi

“Come allora, - spiegano dall’associazione - sarà nuovamente l’occasione per dispensare sorrisi e gioia, e portare tantissimi giochi a tutti i piccoli guerrieri ricoverati nei reparti di Pediatria, Oncoematologia Pediatrica e presso il Day Hospital del Centro Maria Letizia Verga, veri e unici Supereroi”.

Raccolta di giochi all’asilo

L’associazione lancia un appello alla comunità: “A chiunque desideri contribuire e sostenere ancora una volta il nostro progetto, ricordiamo che, da lunedì 21 a giovedì 31 ottobre, sarà possibile consegnare i giochi (che per motivi igienici dovranno essere nuovi e confezionati – no peluche) depositandoli negli appositi contenitori posizionati nell’atrio della scuola dell’Infanzia Sacra Famiglia di Cislago o, in caso di necessità diverse, contattando il numero 349 0921774”.

Donazioni

Eventuali donazioni per l’acquisto dei giochi potranno essere effettuate sul conto corrente numero 000102484620 intestato a ASSOCIAZIONE AMICI DELL’INFANZIA c/o UNICREDIT filiale di CISLAGO - IBAN IT11K02008 50160 000102484620 (causale: progetto SUPER EROI in corsia) “Perché – concludono i volontari - le promesse vanno mantenute sempre. Soprattutto quelle fatte ai bambini.
Grazie di cuore a chi vorrà sostenerci”.